Mondiali, i Top e i Flop della prima giornata

Pubblicato il autore: chris4910 Segui

Si è conclusa ieri, con Polonia-Senegal, la prima giornata del campionato del Mondo di Russia 2018. Vediamo chi sono stati i giocatori che si sono maggiormente messi in mostra, sia positivamente che, al contrario, in maniera negativa.

TOP 10

10) Romelu Lukaku
Letale in area di rigore, il primo goal è da attaccante puro, anticipando di testa il difensore dopo un bellissimo cross di esterno destro di De Bruyne; il secondo è anche più bello, con un tocco sotto a scavalcare il portiere in uscita.

9) Mohamed El-Shenawy
E’ sicuramente il migliore in campo dell’Egitto contro l’Uruguay. Compie diverse parate decisive, soprattutto quella sul meraviglioso destro al volo di Cavani. Sul goal di Gimenez non ha responsabilità.

8) Mario Mandzukic
Si prende sulle spalle la Croazia con una prestazione maiuscola: è suo il colpo di testa sul quale il calciatore nigeriano Etebo compie l’intervento maldestro che porta all’autorete, e nel secondo tempo si guadagna anche il rigore, poi segnato da Modric. Nel mezzo, tante sponde per i compagni.

7) Aleksandr Golovin
Grande qualità, parte dall’esterno ma si accentra molto e svaria su tutto il fronte offensivo. Fornisce due assist vincenti ai suoi compagni di squadra e all’ultimo minuto segna il goal del 5-0 con una punizione magistrale.

6) Hannes Halldorsson
E’ lui l’eroe dell’Islanda nell’insperato pareggio contro la più quotata Argentina. Sempre attento tra i pali, non può nulla sul goal di Aguero, ma nel secondo tempo diventa protagonista, neutralizzando il rigore di Messi e proteggendo la sua porta anche in altre occasioni.

5) Diego Godin
Il comandante della difesa uruguaiana. In fase difensiva è perfetto, chiude tutti i varchi e non si lascia mai sorprendere. Si rende protagonista anche di qualche sortita offensiva, servendo precisi assist ai compagni che non riescono a trasformare in qualcosa di pericoloso.

4) Aleksandar Kolarov
Il capitano della Serbia dimostra ancora una volta che il passare degli anni non lo scalfisca minimamente. Dopo l’ottima stagione in maglia giallorossa, gioca un’ottima partita anche nell’esordio mondiale della sua Nazionale. Voto positivo ulteriormente rafforzato dalla perla su punizione con cui decide il match.

3) Denis Cheryshev
Entra in campo al posto dell’infortunato Dzagoev e subito si dimostra all’altezza della manifestazione. Gioca sulla fascia sinistra e segna due goal fantastici, il primo con un tiro sotto la traversa dopo aver saltato due avversari con un tocco morbido, il secondo con un tiro di esterno sinistro meraviglioso.

2) Diego Costa
Il centravanti perfetto per il gioco della Spagna. Letale in fase offensiva: il primo goal è bellissimo, anche se probabilmente viziato da un fallo su Pepe. Sul secondo dimostra la sua cattiveria agonistica, attaccando la porta e spingendo in rete l’assisti di testa del compagno Busquets.

1) Cristiano Ronaldo
Semplicemente fantastico. A 33 anni firma un’incredibile tripletta contro una Nazionale forte come la Spagna, guadagnandosi il rigore con furbizia e poi anche la punizione che ha portato al 3-3 finale. Vedremo se nel corso del torneo darà seguito a questa fantastica prestazione- CR7 è sempre CR7.

Cristiano Ronaldo – Foto originale Getty Images© scelta da SuperNews

Flop 10

10) Abdullah Al-Maiouf
Non proprio un esordio felice per il portiere dell’Arabia Saudita- Subisce cinque reti, ma anche nelle parate più semplici dimostra parecchie incertezze, e non dà mai sicurezza alla propria difesa.

9) Samuel Umtiti
Non viene quasi mai impensierito dagli attaccanti australiani, ma quel fallo di mano che ha causato il rigore per l’Australia poteva costare caro alla sua Nazionale. Un’ingenuità da dilettante, non certo da difensore che sta disputando il campionato del mondo.

8) Adem Ljajic
Evanescente è dir poco. L’attaccante del Torino è un fantasma per tutta la gara e non riesce mai a rendersi pericoloso. Viene sostituito nella ripresa.

7) Davinson Sanchez
Pomeriggio shock per il difensore colombiano. Dopo tre minuti spalanca la porta all’attaccante giapponese Osako, che porta poi all’espulsione di Carlos Sanchez ed al rigore poi segnato da Kagawa. Ma non è l’unico errore della sua gara, con gli attaccanti giapponesi che non riescono ad approfittarne in più di una circostanza.

6) Corentin Tolisso
Un fantasma nel centrocampo della Francia, non riesce mai a dare i tempi di gioco e non azzarda mai un inserimento offensivo che solitamente è nelle sue corde. Viene sostituito nella ripresa da Matuidi.

5) Christian Cueva
Parte bene il trequartista peruviano, dimostrando una buona tecnica individuale. Ma il rigore tirato alle stelle lo fa sprofondare nel baratro, e infatti nella ripresa non azzecca più una giocata.

4) David De Gea
Una papera non da lui, che è uno dei portieri più forti d’Europa ed uno dei più cercati sul mercato (soprattutto dal Real Madrid). Il tiro di Ronaldo è forte ma non irresistibile, e soprattutto molto centrale, condannando allo svantaggio la sua squadra nel momento in cui stava accelerando in fase offensiva, dopo il pareggio di Diego Costa.

3) Aziz Bouhaddouz
Condanna il Marocco alla sconfitta – ed alla probabile eliminazione, considerando il girone di ferro con Spagna e Portogallo – nella prima partita contro l’Iran. Il suo autogol all’ultimo minuto è incredibile, con un tuffo di testa che insacca la palla alle spalle del proprio compagno di squadra.

2) Luis Suarez
E’ la copia sbiadita del formidabile centravanti del Barcellona. Si mangia due reti molto semplici (ne ha segnate di ben più complicate…). Unico lampo la sponda di testa per il tiro al volo di Cavani su cui il portiere egiziano si supera.

1) Lionel Messi
E’ lui, inevitabilmente, il peggior giocatore di questa prima giornata del campionato del mondo. Lento, riceve palla solo sui piedi ma viene chiuso dai giocatori islandesi. Nel secondo tempo sbaglia il rigore che poteva valere la vittoria per l’Argentina. L’eterno confronto con Cristiano Ronaldo alla prima giornata è nettamente a favore del portoghese.

  •   
  •  
  •  
  •