Mondiali, la gioia del ct del Senegal Aliou Cissè:”Orgogliosi di rappresentare l’Africa”

Pubblicato il autore: Matteo Cartolano Segui
MOSCOW, RUSSIA - JUNE 19: Mbaye Niang of Senegal celebrates with teammates after scoring his team's second goal during the 2018 FIFA World Cup Russia group H match between Poland and Senegal at Spartak Stadium on June 19, 2018 in Moscow, Russia. (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Da tanti anni il calcio africano è chiamato a un risultato di prestigio ai Mondiali di calcio che tarda però ad arrivare. Le formazioni del continente Nero hanno tutto per poter cogliere risultati di grande prestigio e piazzarsi ai primissimi posti in un torneo iridato: tecnica, talento e fisicità. Il fattore che ha sempre penalizzato le squadre africane è una marcata indisciplina a livello tattico, aspetto che fa la differenza quando il livello della competizione si alza.
Infatti l’Africa non è finora mai riuscita a piazzare una sua rappresentante tra le prime quattro al Mondo, arrivando al massimo ai quarti di finale (risultato centrato dal Camerun nel 1990, dal Senegal nel 2002 e dal Ghana nel 2010).
Alla vigilia della rassegna iridata attualmente in corso in Russia, c’era grande attesa per vedere quello che le 5 squadre qualificate in rappresentanza della CAF potevano far vedere. Ma nella prima giornata della fase a gironi sono arrivate solo sconfitte e delusioni: l’Egitto ha perso con l’Uruguay ( e questa sera la squadra di Hector Cuper ha dovuto nuovamente soccombere contro i padroni di casa russi e si trova molto vicina all’eliminazione), il Marocco è finito KO contro l’Iran, la Nigeria è stata superata dalla Croazia e la Tunisia ha dovuto alzare bandiera bianca nei confronti dell’Inghilterra.

A difendere l’onore dell’Africa, ci ha però pensato questo pomeriggio il Senegal. I “leoni della Teranga” hanno battuto la Polonia per 2-1, grazie a un’ autorete di Cionek al 37′ e al gol realizzato da Niang al 60′. A nulla è valsa la marcatura di Krychowiak all’86’, utile solo per fini statistici. Un risultato che ha ridato entusiasmo a tutto il continente, oltre a mettere in discesa il cammino dei senegalesi nella corsa alla qualificazione per gli ottavi di finale.
E nel post-partita, il ct senegalese Aliou Cissè, uno dei componenti della squadra che stupì il mondo al Mondiale 2002, ha espresso tutta la sua gioia per aver regalato una soddisfazione, oltre che al suo Paese, anche a un intero continente:”Garantisco che tutta l’Africa ci sta aiutando. Ricevo telefonate da ogni parte del Mondo e siamo orgogliosi di poter rappresentare il nostro continente. Siamo riusciti a controllare la partita dal punto di vista tattico ed emotivo e siamo entrati nella competizione nel miglior modo possibile. Siamo però consapevoli che contro il Giappone ci attende un incontro molto difficile.”
Una gara, quella contro i nipponici, che in caso di successo potrebbe già garantire al Senegal il passaggio del turno, permettendo così all’Africa di poter nuovamente ambire a raggiungere i livelli più alti del torneo iridato.

  •   
  •  
  •  
  •