Mondiali, Southgate respinge i sospetti:”Niente calcoli, siamo l’Inghilterra”

Pubblicato il autore: Matteo Cartolano Segui

 

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Nel gruppo G del Mondiale di Russia 2018, sono bastate due giornate per dare la qualificazione a Belgio e Inghilterra. Le due formazioni europee hanno ampiamente rispettato i pronostici della vigilia spazzando via Tunisia e Panama, che si sono rivelate sparring partner più che reali insidie sulla strada che portava agli ottavi di finale. Domani sera belgi e inglesi si affronteranno a Kaliningrad per disputare una gara che assegnerà il primo posto nel girone. Le squadre di Roberto Martinez e Gareth Southgate ci arrivano in perfetta parità, avendo lo stesso numero di punti e di reti segnate, oltre a una differenza reti identica. Se l’incontro di domani terminasse senza un vincitore, si dovrebbe ricorrere alla classifica fair play per assegnare il primato, dove l’Inghilterra al momento è in vantaggio avendo ricevuto un cartellino giallo in meno. E proprio questo fattore ha scatenato una ridda di voci sul fatto che le due squadre non affrontino l’incontro impegnandosi al 100%, dal momento che arrivare secondi porterebbe a giocare nella parte del tabellone ritenuta più agevole. Per farla breve, in caso di punteggio di parità in una fase avanzata del match, alcune ammonizioni potrebbero essere “cercate” sopratutto dai giocatori inglesi, proprio per sovvertire la situazione disciplinare attualmente favorevole nei confronti del Belgio.

Leggi anche:  Le probabili formazioni di Inter-Real Madrid: Zidane in totale emergenza, Conte lancia Eriksen?

Dal ritiro della Nazionale dei Tre Leoni, il ct Southgate respinge però con sdegno questi sospetti. Fa intendere che ricorrerà a un robusto turnover, ma senza esagerare, per non snaturare troppo le caratteristiche della squadra. Sulle fasce dovrebbero trovare spazio Alexander-Arnold a destra e Rose a sinistra che rileveranno Trippier e Young, impiegati nelle prime due partite, mentre in difesa giocherà Cahill. Dier prenderà il posto di Henderson in regia.
E riguardo alle voci sui trucchetti per arrivare secondi, il tecnico inglese ribadisce agli scettici come la mentalità del calcio d’Oltremanica sia decisamente diversa:”Siamo inglesi, per noi è molto difficile fare certi calcoli. Giochiamo sempre e comunque per vincere. E’ nella nostra indole e anche in quella dei nostri tifosi. Non riesco neanche ad immaginare l’idea di scendere in campo senza dare il massimo per la vittoria.”
Inoltre Southgate ha voluto sottolineare come, in altre manifestazioni disputate in passato, molto spesso la parte del tabellone ritenuta più comoda non si sia sempre rivelata tale. Realtà con la quale l’Inghilterra ha spesso dovuto fare i conti:”Quello che sembra semplice e scontato spesso non lo è. Al di la delle considerazioni etiche, non è detto che una parte del tabellone sia veramente più facile dell’altra. Ricordatevi di Euro 2016. Anche allora eravamo convinti di avere un abbinamento facile, ma poi contro l’Islanda sapete bene com’è andata a finire.”

La Football Association ha sposato in toto la linea del suo ct. Qualsiasi giocatore inglese che si rendesse protagonista di episodi dubbi rischia pesanti sanzioni disciplinari. Anche la FIFA è vigile sulla questione, quindi ai giocatori di Belgio e Inghilterra conviene rigare dritto nella partita di domani. Altrimenti il sogno di giocare un campionato del Mondo potrebbe essere interrotto sul più bello.

  •   
  •  
  •  
  •