Polonia: Gianni De Biasi tra i candidati alla panchina della Nazionale

Pubblicato il autore: Matteo Cartolano Segui

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Una delle delusioni della prima fase del Mondiale di Russia 2018 è stata indubbiamente la Polonia. La Nazionale dell’Est Europa era stata sorteggiata nel gruppo H, giudicato dagli addetti ai lavori come il più equilibrato di tutti. Senegal, Colombia e Giappone erano avversarie ostiche ma alla portata per i polacchi, che avevano avuto la fortuna di non incrociare sulla propria strada nessuna delle grandi favorite per il titolo. Il verdetto del campo è stato però decisamente amaro: sconfitta all’esordio con il Senegal per 2-1 e tracollo nella seconda partita contro la Colombia (3-0 il finale) con conseguente matematica eliminazione dopo sole due partite. La vittoria per 1-0 ottenuta contro il Giappone nell’ultima partita disputata ieri è servita solamente a rendere meno amara la propria spedizione in Russia, partita con ben altre prospettive.

Leggi anche:  Stefano Tacconi ricorda Maradona: "Il gol che mi fece su punizione è stato il secondo più bello di sempre"

Un fallimento di cui farà le spese il ct Adam Nawalka: dalla federcalcio polacca ancora non arrivano comunicazioni ufficiali, ma quasi sicuramente l’annuncio dell’esonero sarà dato al momento del rientro in patria di Lewandowski e compagni. Secondo diversi media polacchi, tra i possibili sostituti in federazione starebbero pensando a un tecnico di casa nostra. Si tratta di Gianni De Biasi.
Il 62enne di Sarmede è reduce da una deludente esperienza in Spagna sulla panchina dell’Alaves, durata appena due mesi. Arrivato alla guida della formazione basca il 22 settembre 2017, De Biasi è stato sollevato dall’incarico il 27 novembre con uno score di appena due vittorie a fronte di ben 6 sconfitte. Ma non può essere dimenticato il grande lavoro fatto dall’allenatore veneto nella sua precedente esperienza alla guida di una Nazionale, come ct dell’Albania. Un’avventura durata ben 6 anni che ha regalato la prima storica qualificazione a un campionato Europeo, quello disputato nel 2016 in Francia, risultato grazie al quale De Biasi è stato omaggiato con la cittadinanza onoraria albanese.
L’operato del tecnico alla guida dell’Albania sarebbe stato attentamente valutato dai vertici della federazione polacca, decisi ad aprirsi a un allenatore di casa nostra anche per un altro motivo. La colonia “italiana” componente l’ossatura della Nazionale è decisamente ampia essendo ben 9 i giocatori che militano, o hanno militato, nel nostro campionato: Bereszynski, Linetty e Kownacki (Sampdoria), Szczesny (Juventus), Milik e Zielinski (Napoli), Cionek (Spal), ai quali vanno aggiunti Glik e Blaszczykowski, in passato al Torino e alla Fiorentina. Un gruppo così folto di giocatori che conoscono bene il nostro calcio favorirebbe l’inserimento di De Biasi nella rappresentativa polacca, a livello sia tattico che comunicativo, dal momento che sarebbero numerosi i giocatori che, parlando correntemente la nostra lingua, potrebbero tradurre ai compagni le disposizioni dell’allenatore.

Leggi anche:  Un Maradona Eterno...

Per ora, siamo ancora nel campo delle indiscrezioni ed è prematuro capire se il matrimonio si farà davvero. Ma la prospettiva di guidare una Nazionale di sicuro talento e di caratura ben superiore a quella albanese è sicuramente molto stimolante per l’allenatore veneto, in cerca di riscatto dopo la deludente avventura in Liga.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: