Juventus, nessuna festa per Cristiano Ronaldo: tifosi divisi sulla decisione

Pubblicato il autore: Mattia Dallaturca Segui

Cristiano Ronaldo – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Cristiano Ronaldo non è un giocatore come tutti gli altri e su questo non c’è mai stato alcun tipo di dubbio. Ecco perché allora tutti quanti si aspettavano una presentazione in grande stile per quello che non è solo un grande colpo di mercato, ma uno spot per tutto il calcio italiano, che, infatti, sta riscuotendo un enorme successo anche all’estero, dove diverse nazioni cercano di accaparrarsi i diritti tv per trasmettere la stagione di Seria A 2018/19.
Tuttavia, si sa, la Juventus non è una società come tutte le altre: non importa quanto tu sia forte, vincente, quanto sia stato pagato o quanti palloni d’oro abbia vinto; quello che conta è il rispetto per l’ambiente, per i compagni e per i tifosi, la professionalità e il non andare mai sopra le righe, cosa che è stata messo in chiaro e ribadita anche l’anno scorso con la (s)vendita di Bonucci al Milan per 40 milioni di euro, dopo che il difensore, elemento fondamentale della BBC, aveva messo in discussione l’autorità di Allegri e di alcuni suoi compagni nel corso della stagione.

Leggi anche:  Real Madrid, ottavi Champions incerti: le parole di Zidane a fine gara

Regole dalle quali CR7 non è esente ed ecco che, per evitare di creare problemi di spogliatoio e di ‘invidia’ da parte dei nuovi compagni di sqaudra, la presentazione del portoghese si svolgerà con le solite modalità: conferenza stampa di rito e domande da parte dei giornalisti presenti allo Stadium. Niente feste o bagni di folla in grande stile e stadio, quindi, che non verrà aperto ai tifosi, come si vociferava in un primo momento. Resta da capire se sia stato il club torinese a optare per questa soluzione o se sia stato per volontà dello stesso giocatore.
Intanto i tifosi sul web si schierano: c’è chi la vede come una scelta saggia, in quanto Ronaldo è comunque un giocatore come tutti gli altri e non merita trattamenti speciali, e chi invece (la maggior parte) non la pensa così, sostenendo che “Cristiano non è uno qualunque, non vediamo l’ora di vederlo. Lo stiamo aspettando da giorni e stavamo già cercando i biglietti.”

  •   
  •  
  •  
  •