Mondiali 2018 al via i quarti di finale: Brasile favorito?

Pubblicato il autore: Gabriele Segui

Foto originale Getty Images© selezionata da SuperNews

Si va verso una Finale anticipata tra Francia e Brasile.

Finora è stato il Mondiale delle sorprese, sono rimaste in corsa solo 2 delle squadre inizialmente favorite, dopo le débacle più o meno clamorose di Germania, Argentina e Spagna. Finora l’equilibrio l’ha fatta da padrona, l’organizzazione tattica ha prevalso sullo spettacolo in linea di massima.  Nessuna squadra ha dimostrato di essere superiore decisamente sulle altre. I pronostici si sono dimostrati complicati e tuttora non è semplice trovare una favorita dal lotto delle 8 formazioni ancora in lizza. Procedendo  per blasone e organico Brasile e Francia sembrano le squadre più attrezzate. Il Brasile, sicuramente non una delle migliori seleçao della storia,ha comunque mostrato di avere un certo equilibrio soprattutto in fase difensiva grazie ad una coppia centrale esperta ed affidabile e protetta dal filtro di Casemiro. L’attacco è meno spumeggiante di quanto si potesse pensare con Jesus ancora a secco di gol, nonostante abbiano qualche difficoltà a sbloccare le partite  i verdeoro appaiono sufficientemente compatti per arrivare in fondo alla manifestazione.

Leggi anche:  LaLiga, dove vedere Valencia-Atletico Madrid: streaming e diretta tv

La Francia personalmente considerata la squadra col maggior potenziale dall’inizio, sembra dare la sensazione di poter accelerare e decidere quando forzare i match come contro l’Argentina. Griezmann e compagni non hanno fatto grandi partite nel girone, ma col minimo sforzo hanno ottenuto il massimo risultato e l’unica incertezza potrebbe essere rappresentata dalla giovanissima età media dei transalpini che nei prossimi 10 anni si apprestano a diventare la squadra da battere, vedendo anche il gran numero di campioni lasciati a casa da Deschamps, per alcuni dei quali poteva essere l’ultima occasione (Payet e Benzema su tutti),  per gli altri si prevede un futuro più che roseo invece.
La sfida di questo pomeriggio con l’Uruguay a Nizhny Novgorod si prospetta molto complicata per les bleus, dato che la Celeste ha mostrato ad oggi di avere la migliore difesa del torneo con solo 1 gol al passivo e probabilmente la coppia da attaccanti più forti al mondo (recupero di Cavani permettendo) . Se i Francesi dovessero passare indenni questa sfida si aprirebbero le porte di una finale anticipata col Brasile. Lo stesso Brasile in serata a Kazan avrà il non semplice compito di affrontare il Belgio. I diavoli rossi hanno fatto vedere di avere una gran facilità a creare occasioni e andare a rete ma allo stesso tempo anche una certa fragilità difensiva dovuta anche alle non perfette condizioni fisiche di Kompany. Per questo i Brasiliani appaiono favoriti.

Leggi anche:  Maradona e quel rifiuto alla Juventus: "Non posso fare questo affronto ai napoletani"

Dall’altra parte del tabellone nelle sfide del 7 luglio Inghilterra e Croazia sembrano avere la strada spianata verso le semifinale che mancano rispettivamente dal ’90 e dal ’98. Sembrano perché la Russia padrona di casa a Sochi non avrà nulla da perdere e nonostante una non eccelsa qualità potrebbe creare qualche grattacapo ai Croati come fatto in precedenza dalla Danimarca con un gioco fisico e difensivo che gli ex Jugoslavi hanno sofferto.  La nazionale dei 3 leoni, spesso tra le favorite in passato, mai come questo anno che è partita invece in sordina ha la possibilità di andare avanti sfruttando anche il fatto di avere rotto l’incantesimo delle sconfitte ai rigori. La finora sottovalutata Svezia (ultima semifinale nel ’94) a Samara sarà cliente alquanto scomodo per i Britannici come ha dimostrato finora anche senza Ibrahimovic, ed è forse la vera sorpresa del torneo finora. Da questa parte del tabellone c’è comunque una grossa possibilità di vedere una squadra non abituata alle finali (le uniche ’58 Svezia ’66 Inghilterra).

Leggi anche:  Inter, Eriksen addio a gennaio: sul danese arriva l'Arsenal

Comunque vada sarà una sorpresa.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: