Calcio italiano nel caos, Serie B e C bloccate: auspicabile un intervento del governo

Pubblicato il autore: Alessandro Impellizzieri Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Nuovo colpo di scena nel caos del calcio italiano, che sta bloccando tutto dai ripescaggi al via ai campionati di Serie B e Serie C. Tra società escluse per mancanza dei requisiti per l’iscrizione e altre non ripescate, pur avendone diritto, si prospetta un lungo braccio di ferro che può compromettere la regolarità della stagione.

Dal momento che le Leghe sono incapaci di risolvere l’empasse o propongono soluzioni tampone, a questo punto, sarebbe auspicabile un intervento del Governo per cercare di trovare una soluzione per risolvere questa matassa che sta di fatto bloccando i campionati e farli finalmente partire. Si potrebbe pensare a un decreto dia priorità alla Figc e alle Leghe che gestiscono i campionati sulle iscrizioni e ripescaggi e che stabilisca una scadenza per i ricorsi ben prima dell’inizio della stagione per evitare dei nuovi pastrocchi, o dei campionati che iniziano in ritardo.

Insomma, un intervento risolutivo che ponga fine una volta per tutte a un’empasse inammissibile. Nelle maggiori nazioni europee, Francia-Inghilterra-Germania, i campionati minori sono già cominciati. In Spagna, si apprestano ad iniziare. In Italia, a metà agosto, non sono ancora usciti i calendari e non si sa chi vi parteciperà. Una situazione inaccettabile che non può passare inosservata anche a chi ci governa.

  •   
  •  
  •  
  •