Inter, Icardi sogna il Triplete e promette: “Vogliamo fare grandi cose”

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui

A poche ore dal sorteggio che andrà a delineare i gruppi della fase a gironi di Champions League, il capitano dell’Inter, Mauro Icardi, mostra a tutti cosa c’è nella sua testa. La Champions League è la coppa ambita da tutti, anche l’argentino la sogna da tempo. Durante l’intervista speciale, quella disegnata, fattagli dal “Corriere della Sera”, l’ex giocatore della Sampdoria disegna lui stesso disteso a letto con la vignetta che indica il sogno: il triplete. Scudetto, Coppa Italia e Champions League con la maglia dell’Inter, un sogno che spera di realizzare già questa stagione. Sulla vignetta risulta anche la scritta “L’Inter sogna di fare grandi cose”.

Dopo sei anni di assenza dalla grande competizione europea, l’Inter può finalmente ritornare tra le grandi di Europa. Nel sorteggio di oggi parte in leggero svantaggio, dalla quarta fascia dove potrà finire in sorteggio contro squadre più temibili. Un cammino non agevole per gli uomini di Spalletti, ma la posta in gioco è alta. Il solo accesso porta nelle casse della società 40 milioni di euro che diventano sempre di più in caso di vittorie. In una delle vignette si vede anche Javier Zanetti, ex storico capitano dell’Inter, il quale prende per mano Icardi in miniatura. L’argentino è diventato capitano della squadra milanese a soli 22 anni. Un traguardo importante il suo. L’altra vignetta mostra il colpo di testa che ha avuto per Wanda Nara, sua attuale moglie e agente. Il giocatore sottolinea ciò che contraddistingue il loro rapporto: amore, fiducia e lealtà. Lui la definisce donna tuttofare. Idee chiare per il capitano dell’Inter che nonostante la giovane età e le grandi responsabilità, tiene i piedi ben saldi per terrà, alla domanda su come si costruisce uno spogliatoio vincente, risponde: “Nessun giocatore è così bravo come tutti insieme”. 

Mauro Icardi – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Vittoria di misura del Padova col Gubbio: biancoscudati sempre in vetta ma insidiati dalle inseguitrici