Bologna-Inter, Spalletti fiducioso :”Presto potremmo sfruttare tutto il nostro potenziale”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui
during the Serie A match between FC Internazionale and UC Sampdoria at Stadio Giuseppe Meazza on October 24, 2017 in Milan, Italy.

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Dopo le prima due giornate di Serie A Tim in cui l’Inter ha stentato a decollare (1 punto in due partite), i nerazzurri sono chiamati al riscatto già questo Sabato, contro il Bologna di Filippo Inzaghi anch’esso in cerca di riscatto.
Inutile dire quanto sia importante la partita in programma al Dall’Ara, un’ulteriore passo falso della squadra di Spalletti, renderebbe la Stagione complicata già in partenza.  In soccorso al difficile momento dei nerazzurri, ritorna Radja Nainggolan che ha smaltito l’infortunio rimediato nel mese di Luglio, ed è pronto a prendersi le chiavi del centrocampo nerazzurro. Spalletti si affiderà a lui, a Brozovic e Vecino per tornare alla vittoria in campionato.

Il rientro di Nainggolan, il sorteggio Champions, la ricetta per rialzarsi sono stati tutti argomenti trattati durante la consueta conferenza stampa alla vigilia della partita della terza giornata di campionato.

Leggi anche:  Zlatan Ibrahimovic, nessuna violazione della zona rossa: ecco cosa è successo veramente

Conferenza Stampa Spalletti: Bologna-Inter

Alla domanda relativa a quanto fosse importante il ritorno in campo di Nainggolan, Spalletti non si è scomposto e ha dichiarato: “Non possiamo dipendere da un giocatore. Voglio far girare tutti i miei giocatori. Lui ha delle qualità che altri non hanno, ha forza d’urto e grandi vampate fatte di aggressività e velocità di idee nello sviluppo dell’azione. Siamo forti lo stesso anche quando viene a mancare un giocatore che per un motivo o per un altro viene chiacchierati più di altri.”

Per quanto riguarda il Sorteggio del Girone di Champions League, l’Inter non è stata di certo molto fortunata, pescando squadre di livello come Barcelona, Tottenham e Psv. In merito allo sfortunato sorteggio, l’ex tecnico della Roma, lo ha così analizzato: “Abbiamo pagato la quarta fascia fino all’ultimo centesimo, ma se facciamo qualche passo indietro l’anno scorso saremmo stati felici di averci fatto parte, è un girone tosto, di quelli difficilissimi. In questo girone però ci può essere il vantaggio che nessuna squadra lasci punti alle altre. Ma la cosa più importante è che è tornato a esserci il nome Inter dentro quelle palline.”

Leggi anche:  Gasperini e gli insulti all'ispettore antidoping. Ecco i dettagli

Il giorno dopo la sfida con il Torino, Spalletti ha cancellato il giorno di riposo che era in programma per far allenare i suoi: “La squadra si è preparata sempre allo stesso modo. Abbiamo visto i soliti montaggi video basati sulla squadra avversaria, il loro tipo di pressing e la fase di attesa e le palle inattive a loro favore e sfavore. Ho anticipato il giorno di allenamenti perché ho visto leggerezze durante la partita. Il discorso che ho fatto è durato un quarto d’ora.”

Inoltre Spalletti ha risposto ad una domanda relativa al ripresentarsi di quegli errori che hanno di fatto compromesso i mesi di Gennaio e Febbraio dello scorso anno, affermando che questa situazione attuale è dovuta ai tanti nuovi arrivi e ai giocatori arrivati tardi dal mondiale. Aggiungendo: “Presto potremmo sfruttare tutto il nostro potenziale.

Leggi anche:  Bel gioco o risultati? La classifica del possesso palla in Serie A: Juve, Napoli e Atalanta al top, l'Inter...

Un giornalista ha chiesto al tecnico nerazzurro se fosse preoccupato dell’incapacità di reagire dei suoi, evidenziata nelle prime due giornate di Campionato. Spalletti ha così risposto: “Non mi preoccupa, perché anche l’anno scorso siamo riusciti a ribaltare la partita più importante nell’ultima mezz’ora a Roma portando a casa l’obiettivo. Deve succedere sempre di meno anche in vista Champions, ma ci stiamo lavorando sempre di più in maniera precisa.”

  •   
  •  
  •  
  •