Milan, la top-11 di Pellegatti:”Rui Costa è stato il mio preferito. Rivera-Baresi-Van Basten i più forti”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Filippo Inzaghi – Foto originale Getty Images© selezionata da SuperNews

Pellegatti, 35 anni dopo resta senza microfono. E’, più di ogni altro, la memoria storica degli ultimi quattro decenni di storia milanista. Oggi però per lui non c’è spazio nelle televisioni sportive italiane. Carlo Pellegatti è stato uno dei pionieri della telecronaca-tifosa, con i suoi indimenticabili soprannomi. Tra urla, citazioni colte e gol celebrati in modi assolutamente originale Pellegatti è amato dai tifosi del Milan come se fosse un calciatore. All’interno dell’intervista a La Gazzetta dello Sport, Carlo Pellegatti ha stilato la sua top 11 di tutti i tempi del Milan, passando poi ai più forti milanisti di sempre: “Sistema di gioco 4-3-3: Seba Rossi (Il capitano della Berlusconi Air Force-Ascensore umano); Tassotti (Djalma), Nesta (Tempesta Perfetta), Franco Baresi (Il Mahatma), Paolo Maldini (Cuore di drago-Acciaio e seta); Rui Costa ( Il Musagete), Rivera, Kakà (Smocking Bianco); Shevchenko (Vento di Passioni), Van Basten (Il Cigno di Utrecht), Filippo Inzaghi (Alta Tensione). Allenatore Sacchi. Formazione sbilanciata, lo ammetto, ma i cinque dietro reggerebbero da soli il Duomo di Milano”.

Pellegatti ha anche rivelato una speciale predilezione per un giocatore in particolare:”I milanisti più forti di sempre? Ne scelgo quattro: Rivera, Baresi, Van Basten e Rui Costa. Per il portoghese avevo una venerazione, Rui era “Apollo Musagete”. Un  vero peccato che il Milan di quest’anno, con la rinascita americana in corso, non possa essere raccontato dalla voce e dalle parole di Pellegatti. Magari qualcuno gli darà ancora un microfono per dare vita alle sue pittoresche telecronache? Sarebbe il minimo.
Clicca qui per scoprire i soprannomi di Pellegatti per la prossima stagione.

Pellegatti-Zampa, fine di un’era televisiva?

Non solo Carlo Pellegatti, anche un altro popolare telecronista-tifoso è rimasto senza microfono. Si tratta di Carlo Zampa, voce storica della Roma. Prima speaker giallorosso all’Olimpico, poi telecronista per Mediaset Premium. La tv del biscione ha perso la trasmissione diretta delle partite di Serie A e quindi per Zampa non c’è più spazio. Sia Pellegatti che Zampa fanno parte di un giornalismo di un’altra era. Più romantica e certamente meno spietata.

Evidentemente nel calcio di oggi non c’è spazio per voci e volti di un certo tipo. O forse perché nelle televisioni sportive ci sono già troppi telecronisti tifosi e opinionisti non proprio obiettivo. Un peccato, però siamo fiduciosi nel fatto che gente come Pellegatti e Zampa riescano a trovare un microfono per far emozionare i tifosi attraverso un pallone che gonfia la rete. Speriamo che tutto ciò avvenga in fretta. Molto in fretta.

Ecco il video del primo gol di Rui Costa segnato con il Milan commentato da Pellegatti:

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: