La nuova sfida di De Laurentiis: “Se potessi, comprerei l’Hajduk Spalato. Reja sa già tutto”

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui
during the pre-season friendly match between SSC Napoli and OGC Nice at Stadio San Paolo on August 7, 2016 in Naples, Italy. de laurentiis

Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, è pronto per una nuova sfida: dopo aver acquisito lo scorso mese il Bari, prelevandolo in seguito al fallimento dalle mani del sindaco Antonio Decaro e ripartendo così dalla Serie D, il patron della compagine campana è pronto per una nuova sfida e sarebbe intenzionato a mettere le mani su un nuovo club, stavolta straniero.
Intervenuto all’assemblea della European Club Association in corso a Spalato, ai microfoni di alcuni operatori media croati, De Laurentiis ha raccontato i progetti per il futuro, tra i quali rientra la possibile acquisizione dell’Hajduk Spalato, una delle più storiche società croate, contro la quale il suo Napoli tempo fa ha giocato anche una partita amichevole.

De Laurentiis cala il tris: dopo Napoli e Bari, ecco l’Hajduk Spalato

Il presidente De Laurentiis è decisamente convinto dalla possibile nuova esperienza con la società croata: “Se ci fosse la possibilità comprerei l’Hajduk – afferma il patron partenopeo -. Abbiamo giocato a Spalato una partita amichevole“. Eppure il numero uno della società partenopea sembrerebbe avere le idee chiare, anche su chi affidare la panchina della compagine balcanica: “Sono sempre in contatto con Reja, sono rimasto sorpreso dal fatto che mi ha detto che ‘volentieri’ sarebbe venuto all’Hajduk – chiarisce -. Quest club deve essere un’opportunità molto allettante per lui. Ho buoni rapporti con Edy, gli ho detto di venire da Spalato e lui mia rifilato la storia sul perché comprarlo“.

Le intenzioni di De Laurentiis di acquisire il club croato ci sono, tuttavia bisogna procedere con calma: “Recentemente ho assunto il Bari, il sindaco Antonio Decaro ha accettato la mia offerta. Tuttavia, ciò non significa che non mi interessi l’Hajduk. Dovrebbe essere tutto analizzato – ribadisce il presidente -. Reja mi ha detto che il club è nelle mani dei fan, questi non vogliono a tutti i costi che l’Hajduk diventi di proprietà privata, quindi non serve nulla“.
E il mentore del possibile affare di De Laurentiis, come detto, sarebbe proprio l’ex tecnico del Napoli Edy Reja: “Gli dico, ‘dai dammi un’idea’ fammi sapere, sono preparato per l’investimento, perché sono un fan del cinema e del calcio. Non potevo permettere a un club dal grande passato e tradizione come il Bari di fallire. È retrocesso in quarta divisione. Ora – prosegue il presidente – vedo l’Hajduk nei guai, come può essere che un club sia così in basso? Si lamentano che ho comprato un altro giocattolo, cioè il Bari, ma questo non è un giocattolo per me – ribadisce – è un progetto, mi costa, investo conoscenza e denaro, soprattutto passione per il calcio”.

  •   
  •  
  •  
  •