Serie B, si profila un ritorno a 22 squadre: ecco come cambiano i calendari in cadetteria

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui
PARMA, ITALY - DECEMBER 16: Official ball of Robe di Kappa during the Serie B match between Parma Calcio and AC Cesena at Stadio Ennio Tardini on December 16, 2017 in Parma, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images) serie b

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Oggi è il giorno del verdetto in merito ai futuri scenari della Serie B, solamente oggi conosceremo la decisione del Collegio di Garanzia del Coni chiamato ad esaminare nel merito i ricorsi presentati dalle rispettive squadre: il dispositivo è atteso per le ore 18.00 e le sei società in attesa di verdetto, nella fattispecie Catania, Entella, Novara, Pro Vercelli, Siena e Ternana, dovranno attendere fino a quell’ora per conoscere il proprio futuro per la prossima stagione.
Secondo alcune indiscrezione che circolane nelle ultime ore, confermate anche dal Corriere della Sera, si profilerebbe un clamoroso ritorno della Serie B a 22 squadre: una situazione che avrebbe del paradossale, dal momento che il campionato cadetto è già cominciato e ha già disputato due giornate finora.
Ora cosa succederà se il Collegio di Garanzia del Coni accogliesse nel merito le richieste così come formulate dalle rispettive società?

I possibili scenari sul campionato di Serie B in attesa della decisione

Se dunque venissero confermate le indiscrezioni così come definite, il Collegio presieduto dall’ex ministro Franco Frattini potrebbe riscrivere la storia della Serie B, con un dispositivo che farebbe davvero giurisprudenza: infatti nella storia del calcio italiano non si è mai assistito ad una pronuncia del genere, con campionati iniziati e all’improvviso riformulati in seguito a ricorsi individuali o collettivi che dir si voglia.
Ma in particolare l’organo giudicante dello sport italiano andrebbe addirittura controcorrente rispetto alla precedente statuizione, considerato che il Collegio non ha ritenuto di accogliere l’istanza di sospensione cautelare del campionato di Serie B così come formulata dalle squadre oggi ricorrenti.
Circostanza resa ancor più grave dalla modifica di due articoli delle Norme Organizzative Interne della Figc (N.OI.F.), che avevano accolto la richiesta della Lega Serie B di riformulare il campionato non più a 22 come da disposizioni regolamentari, ma bensì a 19,

Se il Collegio di Garanzia del Coni dunque accogliesse le istanze presentate dalle squadre ricorrenti, si potrebbe al massimo accogliere nel prossimo campionato di Serie B tre società: la domanda sorge spontanea, che fine faranno le restanti tre?
Si profilerebbe addirittura un possibile ricorso al Tar del Lazio per una storia che potrebbe durare all’infinito, o forse: e che succederebbe se il organo giudicante di competenza prettamente amministrativa decidesse per l’accoglimento delle istanze così come formulate dalle restanti tre società? Si rischierebbe la possibilità di un campionato di Serie B a 25 squadre?
Nell’attesa della decisione, i rumors sembrano propendere per un piano ampiamente valutato e accolto dalla Lega Serie B: le tre ripescate giocano fra loro e contro chi ha riposato in questi primi due turni, in attesa di rifare i calendari dalla quarta giornata in poi. In sintesi, un pasticciaccio all’italiana…

  •   
  •  
  •  
  •