Alberto Gilardino riparte dal Rezzato in Serie D

Pubblicato il autore: Francesco Pesce Segui

Un campione del mondo a Brescia. Alberto Gilardino classe 1982 da poco ritiratosi dal calcio giocato dopo aver calpestato i campi di tutta Italia con 11 maglie diverse, negli ultimi 18 anni, ha deciso di intraprendere una nuova affascinante e stimolante avventura da allenatore in quel mondo che da giocatore, tante emozioni gli ha regalato come ad esempio la Champions League, la Supercoppa Europea e il Mondiale per Club conquistati con il Milan, ma soprattutto l’immensa gioia del Mondiale 2006 in Germania, apice di una carriera straordinaria contornata da 646 presenze e 231 gol.

Il Gila chiusa la porta del calcio giocato ha accettato di ripartire dalla Serie D e più precisamente da Rezzato, ambiziosa squadra bresciana militante nel girone B. L’ex Fiorentina infatti è stato avvistato nella giornata di ieri, sugli spalti per assistere al match casalingo di campionato della sua nuova squadra contro la Virtus Bergamo, persa dai rezzatesi per 2-1. L’ex attaccante di Parma e Palermo tra le altre, ricoprirà il ruolo di direttore tecnico e di vice allenatore al fianco di Luca Prina, subentrato al posto di Massimo Gardano, esonerato dopo aver raccolto un bottino di due vittorie, un pareggio e una sconfitta nelle prime quattro giornate, per un totale di sette punti che valgono la quinta posizione in classifica. Il bomber di Biella, al suo primo incarico in vesti dirigenziali, proverà a calarsi in questa nuova realtà, mettendo a disposizione la sua immensa esperienza.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Pietro Castellitto: "Totti non è Maradona, camorra e vita spericolata"