Roma, in Champions League protagonista e in campionato non pervenuta

Pubblicato il autore: Elena Caruso Segui
TURIN, ITALY - DECEMBER 23: Daniele DE Rossi of AS Roma during the serie A match between Juventus and AS Roma on December 23, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Daniele De Rossi – Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

La Roma a due facce continua a sorprendere. La squadra di Di Francesco è nettamente diversa in Champions League dove si mostra sicura, aggressiva e con tante idee che sfociano in tanti gol. I problemi sorgono in campionato dove la Roma perde compattezza e grinta, è meno aggressiva e anche in difesa si lascia sorprendere con maggior facilità. Secondo molti una simile ambivalenza è da ricercarsi negli inserimenti dei molti giovani (o comunque dei nuovi giocatori) non ancora amalgamati come si deve nella rosa, ma è anche vero che se nella competizione europea, ad esempio, Dzeko fa faville segnando tanto e rincorrendo un gioco dinamico, in campionato il bosniaco risulta maggiormente spento e meno reattivo. Insomma non è facile individuare la giusta spiegazione per la “doppia faccia” della Roma.

Leggi anche:  Europei, Italia già agli ottavi: le possibili avversarie degli azzurri

Il periodo altalenante registrato in campionato dai giallorossi non sembra scalfirli nella competizione europea. La squadra di Di Francesco in Europa registra, dopo il KO contro il Real Madrid (partita terminata 3-0) due importanti quanto belle vittorie contro Viktoria Plzen (5-0) e CSKA Mosca (3-0).
Le due vittorie consentono alla Roma di portarsi in cima alla classifica (6 punti) con il Real Madrid, in vantaggio per la vittoria (3-0) nello scontro diretto. L’ottimo posizionamento consente comunque ai giallorossi di affrontare con minore apprensione il girone di ritorno, ma i cali di tensione soni dietro l’angolo.

Gli otto gol messi a segno dai capitolini rappresentano un forte segnale da parte di tutta la squadra che, con la giusta determinazione e attenzione, può competere senza sfigurare in campo internazionale. Però, se in Champions League va quasi tutto bene, lo stesso non può dirsi per il campionato di Serie A, competizioni in cui la Roma stenta a decollare con prestazioni spesso non facilmente commentabili, come la recente prova offerta contro la Spal (persa per due reti a zero), o il pareggio arrivato contro il Napoli nei minuti finali del match.
Tra flop e recuperi impressionanti si fa enorme fatica a comprendere l’identità della squadra, le qualità dei singoli sono indiscutibili ma i continui alti e bassi lasciano qualche dubbio di troppo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: