Serie B, Brescia-Cosenza: numeri e curiosità sul match della 9.a giornata

Pubblicato il autore: Michele Iacobello Segui

Foto Getty Images© per SuperNews

Nona giornata di campionato di Serie B. Al Rigamonti di Brescia arriva un Cosenza in difficoltà. Quattordicesimo in classifica e un punto al di sopra della zona play-out. Il Brescia, al contrario, gioca bene, ma non vince. La squadra di Corini ha ancora qualche difficoltà legata alla personalità. Nei primi tempi, i bresciani non riescono mai ad essere incisivi e spesso si fanno schiacciare dagli avversari cambiando poi totalmente atteggiamento nella seconda parte. A peggiorare la situazione ci sono anche gli infortuni di Donnarumma e Gastaldello che quasi sicuramente ce ne avranno fino a settimana prossima.

Sabato alle 15, Brescia e Cosenza si sfidano per la 25esima volta nella loro storia. Le due società si sono incontrare sempre in Serie B e l’ultima partita risale al 11 giugno del 2000. Diciotto anni fa.
Il match in quel caso finì 2-2 e fu solo uno dei tanti pareggi nella serie tra Brescia e Cosenza.
Tra le due, l’ultima ad avere la meglio sull’avversario fu il Cosenza che si impose al Rigamonti 0-1 con gol di De Francesco all’81’.

Leggi anche:  Zhang conferma tutta la dirigenza: Marotta e Ausilio fino al 2024

Per trovare  una vittoria del Brescia bisogna andare ancora più indietro e arrivare al 9 marzo 1997. Finì 2-0 per il Brescia davanti a quasi 9000 spettatori. In quella squadra, Doni e Binz. L’allenatore era Reja e in panchina sedeva uno dei talenti più puri che il nostro calcio abbia mai visto, Andrea Pirlo.

Tra queste due compagini l’equilibrio regna comunque sovrano. Nei 24 incontri totali sono 6 le vittorie del Brescia, 7 quelle del Cosenza e 11 i pareggi.
La prima partita si giocò nella stagione 1961/1962 e finì, manco a dirlo, in pareggio.
La vittoria più larga appartiene alle Rondinelle: 6-0 nel 1964.

BRESCIA-COSENZA, GLI UOMINI CHIAVE

Leonardo Morosini, Brescia Calcio: 8 partite e 4 gol. Corre, lotta e segna. Con il Cittadella l’ha pareggiata lui, caricandosi la squadra sulle spalle. L’esperienza in A sembra averlo responsabilizzato e lui in campo è un leader.

Leggi anche:  Europei, Guidolin alla GdS: "I gallesi sono gentili"

Gennaro Tutino, Cosenza: 3 gol e un assist finora. Doppietta vincente la scorsa settimana contro il Foggia. Può e deve essere l’uomo in più contro un Brescia che non vuole più concedere spazio agli avversari.

BRESCIA-COSENZA, COME SI SCHIERERANNO LE DUE SQUADRE
Corini sembra intenzionato a puntare nuovamente sul 4-3-3 visto a Cittadella. L’esplosività di Morosini e Tremolada potrebbero essere armi importanti a supporto dell’unica punta Torregrossa. Centrocampo a 3 con Ndoj e Bisoli mezzali e Tonali mediano. La difesa avrà come centrali Cistana e Romagnoli. Sulle fasce Sabelli e Curcio.

Braglia potrebbe adottare nuovamente la difesa a 3. Squadra che vince non si cambia e allora confermatissimi i 3 dietro: Idda, Dermaku e Legittimo. Il centrocampo a 4 sarà composto da Corsi e D’Orazio sulle fasce, Mungo e Bruccini centrali.
Garritano poi agirà solo dietro le due punte Maniero e Tutino.

BRAGLIA CONTRO IL BRESCIA NON HA MAI VINTO

Leggi anche:  Serie A femminile: la nuova stagione parte il 29 agosto

Altro curioso dato di questo match. Piero Braglia ha affrontato il Brescia 7 volte da allenatore, ma non ha mai vinto contro i bresciani. Due volte ha perso quando sedeva sulla panchina del Frosinone e le altre 5 sconfitte sono arrivate quando era legato alla Juve Stabia. La partita verrà trasmessa in diretta su DAZN alle ore 15.

  •   
  •  
  •  
  •