Disavventura per Milik: rapinato al termine della gara contro il Liverpool

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Triste epilogo per la serata di Arkadiusz Milik, al termine della confortante vittoria rimediata, in Champions, dal Napoli al cospetto del Liverpool. L’attaccante polacco, rimasto in campo per 68 minuti, per poi esser sostituito da Mertens, è rimasto vittima, intorno alle ore 2.00 di questa notte, di un rapina avente per oggetto un Rolex. Milik mentre era intento nel tornare presso la propria abitazione, è stato affiancato da due malviventi in località Varcaturo, i quali hanno bruscamente interrotto il tragitto in auto del numero 99 azzurro, ed una volta scesi dalla moto, con addosso un casco per non farsi riconoscere, hanno puntato una pistola verso il calciatore per poi sottrargli il Rolex, che indossava al polso, dal valore di circa 20.000 euro.

Tanta paura per il polacco ma per fortuna nessuna ferita dal punto di vista fisico. Napoli, purtroppo, è stata al centro, anche in passato, di episodi simili di cronaca nera, che hanno visto coinvolti molti calciatori della compagine azzurra. Anche Insigne è stato vittima di un furto, mentre il capitano slovacco Marek Hamsik è stato protagonista di tre episodi del genere, in cui venne a stretto contatto con alcuni malviventi locali.

Leggi anche:  Florentino Perez presidente del Real Madrid fino al 2025

Andando ancora più indietro con la macchina del tempo, vittime di furti lo sono stati anche la compagna di Lavezzi, nel cui caso fu memorabile un sfogo della ragazza, contro la città, comparso sui social, e Cavani. Senza dimenticare, altresì, quanto accaduto, sempre sulla medesima falsariga, ai vari Fernandez, Navarro e Russotto. E’ con grande rammarico che si prende atto di tali tristi notizie, soprattutto a margine di una serata magica per i colori azzurri, considerando il risultato prestigioso, condito dall’ottima performance della compagine partenopea al cospetto del Liverpool, in quella che è stata una vittoria che ha proiettato la banda di Carlo Ancelotti in testa al girone C di Champions League.

Festa per tanti, ma non per tutti visto che la mano nera della criminalità ha agito, per l’ennesima volta, in maniera indisturbata nei confronti di un calciatore del Napoli. Una brutta disavventura, quindi, per Milik, il quale però non confonderà di certo l’affetto che nutre il caloroso pubblico napoletano nei suoi confronti, con quanto accaduto attraverso l’azione delinquenziale e riprovevole di una sparuta minoranza, che però va combattuta con la massima fiducia nei confronti delle forze dell’ordine locali.

  •   
  •  
  •  
  •