Inter, i motivi per cui il match contro il Psv è più importante di quello contro il Tottenham

Pubblicato il autore: Armando Areniello Segui

Foto Getty Images© per SuperNews

Vigilia di Champions League in casa Inter, con i nerazzurri che si preparano ad affrontare il Psv Eindhoven al Philips Stadion di Eindhoven. Gara fondamentale per la squadra di Luciano Spalletti, chiamata a vincere per continuare a sognare il passaggio del turno. La squadra nerazzurra, inoltre, sembra aver superato il periodo difficile che ha caratterizzato l’inizio di stagione, in cui ha raccolto solo quattro punti nelle prime quattro giornate. Nelle successive tre partite di campionato, infatti, l’Inter ha raccolto tre vittorie contro squadre temibili come Sampdoria, Fiorentina e Cagliari, che gli hanno permesso di scalare la classifica e tornare in zona Champions League, al terzo posto a quota 13 punti, a due lunghezze dal Napoli.

I MOTIVI CHE RENDONO FONDAMENTALE IL MATCH CONTRO IL PSV
La gara contro il Psv Eindhoven sarà decisiva per capire quale futuro attende l’Inter in questo difficile gruppo di Champions League, che comprende anche il Tottenham e il Barcellona. La vittoria contro gli Spurs ha dato un leggero vantaggio alla squadra nerazzurra nella corsa alla qualificazione agli ottavi di finale. Proprio alla luce di ciò, sarà fondamentale portare a casa i tre punti. Se si vuole passare il turno, infatti, la squadra di Luciano Spalletti non può prescindere dalla vittoria contro l’undici di Van Bommel. Il primo motivo, dunque, per cui questa gara è di fondamentale importanza, è legato alla qualificazione. Il secondo motivo è legato alla mentalità, perché vincere due partite consecutive in un girone di Champions League in cui tutti davano l’Inter come destinata a essere eliminata potrebbe regalare ulteriori convinzioni alla squadra. Inoltre, gran parte della rosa non ha esperienza nella massima competizione europea: basti pensare che giocatori del livello come HandanovicMauro Icardi hanno fatto il loro esordio in Champions nel match contro il Tottenham. Il terzo motivo è legato all’obiettivo prefissato al momento del sorteggio: ottenere i sei punti tra andata e ritorno contro il Psv Eindhoven per assicurarsi quantomeno la qualificazione in Europa League, e poi giocarsi tutto contro Barça e Tottenham.

Leggi anche:  Juventus, Zidane è sempre più vicino: le ultime dalla Spagna

LA PROBABILE INTER ANTI PSV
Il tecnico dell’Inter, Luciano Spalletti, sembra avere le idee chiare su quella che sarà la formazione che scenderà in campo contro il Psv Eindhoven in Champions League. In conferenza stampa, infatti, l’allenatore nerazzurro ha sciolto alcuni dubbi. Su tutti si è parlato della possibilità di vedere Skriniar a destra ma il tecnico di Certaldo ha assolutamente scartato questa possibilità: a destra giocherà D’Ambrosio, con lo slovacco al centro della difesa al fianco di De Vrij e con Asamoah a sinistra. La nota lieta arriva da Sime Vrsaljko, che torna tra i convocati e sarà in panchina. A centrocampo agiranno BrozovicVecino, con Politano favorito su Candreva a destra e con la conferma di Nainggolan sulla trequarti. A sinistra torna Ivan Perisic, mentre in attacco ci sarà Mauro Icardi, con i due che hanno rifiatato nell’ultima gara di campionato contro il Cagliari. Il croato, infatti, ha giocato solo uno spezzone di gara nella ripresa, mentre il centravanti argentino è stato tenuto in panchina per tutto il match.
Inter (4-2-3-1): Handanovic, D’Ambrosio, Skriniar, De Vrij, Asamoah, Brozovic, Vecino, Politano, Nainggolan, Perisic, Icardi.

  •   
  •  
  •  
  •