Manchester United – Juventus: Cristiano Ronaldo ritrova Mourinho, tra i due non corre buon sangue

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui

Cristiano Ronaldo – Foto Getty Images© per SuperNews

La Juventus sfiderà il Manchester United domani sera, partita valida per la terza giornata di Champions League. Il match all’Old Trafford sarà il primo tra le due squadre che combattono per il passaggio di girone. La Juventus è in testa alla classifica a pieno punteggio (6), subito dopo proprio i Reds con 4 punti. Sono diversi i motivi che rendono questa sfida ancora più interessante, uno su tutti è il rapporto tra Mourinho e Cristiano Ronaldo. L’attaccante portoghese ritorna dalla squalifica avuta nella prima giornata contro il Valencia, episodio molto discusso.

Molto strano questo rapporto, i due, nonostante siano entrambi portoghesi, non si sono mai amati. La tensione è arrivata alle stelle quando si sono ritrovati nella stessa squadra, quando Mourinho ha allenato il Real Madrid. Durante questi anni, 2010-2013, l’attuale allenatore del Manchester United non si è mai risparmiato con le frecciatine verso Cristiano. Sempre dure le parole verso l’attaccante bianconero: “Tu giochi solo per te stesso”; “Tu non rispetti i compagni”; “Ti credi superiore a Di Maria?”. Queste sono solo alcune delle frecciatine del tecnico.

Leggi anche:  Serie D Girone E, Trastevere-Trestina 2-0 (Video Highlights): con una doppietta di Roberti i romani vincono la finale playoff

Mai un chiarimento, la tensione è ancora alle stelle e, ancora oggi, anche se con toni più pacati, Mourinho non la tocca leggera quando parla di CR7: “Lui pensa di sapere tutto e che un allenatore non possa farlo crescere. Ho avuto un problema molto semplice con lui: l’ho criticato dal punto di vista tattico e non l’ha presa bene. Nelle ultime settimane diceva di essere infortunato, ma ho i miei dubbi…”. Mourinho un lato positivo lo ha trovato, probabilmente perché associato a se stesso: “Ronaldo con me ha fatto tre stagioni fantastiche. Non so se sono stati i migliori della sua carriera, ma abbiamo trovato delle soluzione per far esprimere al meglio il suo potenziale”.

  •   
  •  
  •  
  •