Marotta all’Inter, nodo buonuscita con la Juventus per formalizzare l’affare

Pubblicato il autore: giuliawhites Segui
beppe-marotta-juventus-calciomercato

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

L’Inter è in attesa di Beppe Marotta, primo innesto con il neo presidente Steven Zhang. Accanto alla crescita in campo, con Luciano Spalletti, il club nerazzurro ha deciso di continuare il suo processo di crescita con l’ex dirigente bianconero. L’obiettivo dell’Inter è quello di colmare la distanza tra il club nerazzurro e la Juventus, sia dal punto di vista sportivo, sia dal punto di vista societario. Marotta Inter, ci siamo!

Marotta Inter, manca solo la risoluzione del contratto con la Juventus e poi sarà nerazzurro

Proprio in questa ottica l’Inter ha spinto con grande forza sulla figura dell’ex amministratore delegato bianconero. Questo una volta appurato che il suo rapporto con la squadra campione d’Italia stava arrivando al capolinea. Nonostante la prudenza mostrata da Steven Zhang durante il primo giorno da presidente dell’Inter, l’accordo tra le due parti esiste già da tempo e adesso deve essere solo formalizzato. Questo non appena Beppe Marotta avrà risolto il suo contatto con la Juventus.

Leggi anche:  Juventus, Cristiano Ronaldo non si sbilancia: "Quello che verrà, sarà per il meglio. Ora sono concentrato sull'Europeo"

Il ruolo di Marotta all’Inter e il braccio di ferro Thohir-Suning

Secondo quanto riportato da Il Corriere della Sera, l’incontro tra la Juventus e Beppe Marotta avrà luogo durante questa settimana e l’ormai ex dirigente bianconero accetterà un leggero taglio della sua buonuscita in modo da  mettersi subito a disposizione della nuova società. Non è del tutto chiaro a cosa porterà il suo ingresso, con il ruolo di  direttore generale, nell’organigramma nerazzurro. Secondo alcune indiscrezioni l’ad Antonello continuerà a rimanere al suo posto per lavorare insieme alla costruzione di un’Inter ancora più forte e competitiva. L’altra faccia della medaglia ancora in sospeso è quella dell’acquisto da parte di Suning del 30% di quote rimaste nelle mani dell’ex presidente Thohir che continua a chiedere 200 milioni di euro. L’intesa, per adesso, non è ancora stata raggiunta.

  •   
  •  
  •  
  •