Catanzaro-Reggina 1-0: un gol di Infantino gela gli amaranto

Pubblicato il autore: Maurizio Ceravolo Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Il recupero del match tra Catanzaro e Reggina della 5^ giornata di serie c girone c, giocato allo stadio “Nicola Ceravolo” nella serata di ieri, ha viaggiato sulle ali dell’equilibrio, nel punteggio soprattuto, fino all’ingresso in campo di Saveriano Infantino che, su un cross dalla destra di Celiento, ha svettato più in alto di tutti ed ha trafitto il portiere della Reggina, fino ad allora il migliore in campo dei suoi, Confente.

La partita è iniziata a ritmi molto alti con il Catanzaro vicino al vantaggio in più di un’occasione grazie alle azioni pericolose di Kanoutè, Ciccone e D’Ursi ed un gol al 24′, dello stesso Kanoutè, annullato per un presunto fuorigioco di Ciccone. La corazzata giallorossa ha continuato ad attaccare fino al 10′ del secondo tempo quando, per qualche errore difensivo, gli amaranto sono ripartiti in contropiede ma senza impensierire più di tanto il portiere giallorosso, Jacopo Furlan. Successivamente, con l’ingresso in campo di Infantino, Nicoletti e Giannone prima e Fishnaller e De Risio dopo, la squadra di Auteri è passata dal 3-4-3 al 4-2-4 ed ha costretto la Reggina a rintanarsi in difesa a protezione del risultato. All’83’ minuto, Infantino ha siglato il gol della vittoria e la partita non ha avuto più nulla da dire.

Leggi anche:  Europei, Guidolin alla GdS: "I gallesi sono gentili"

Bella prestazione da parte delle Aquile che portano a sei i risultati positivi consecutivi e a quattro le vittorie consecutive senza subire gol. Inoltre, il Catanzaro ha dimostrato di riuscire a soffrire, non per merito dell’avversario ma per le troppe palle gol sciupate, e di saper comunque concretizzare al momento opportuno. L’obiettivo, ora, sarà cercare di soffrire il meno possibile ma, i derby, hanno sempre un sapore diverso e l’importante era fare risultato.

Capitolo Infantino: il calciatore, unico centravanti di ruolo del Catanzaro, ha dovuto trascorrere dei mesi molto duri perché, dover recuperare la condizione in un momento nel quale il tuo apporto sarebbe servito alla tua squadra, gli avrà messo tanta pressione addosso che, però, a giudicare dalla prestazione di quantità di ieri, ha fatto bene. Infatti, come detto dal calciatore stesso in conferenza stampa, il gol è stata una liberazione che gli ha dato le stesse emozioni del primo gol in carriera. D’ora in avanti, il mister potrà contare anche su di lui e, sicuramente, presto lo vedremo impiegato dal 1′ minuto.

Leggi anche:  Zhang conferma tutta la dirigenza: Marotta e Ausilio fino al 2024

Infine, sembra doveroso dover spendere qualche parola anche per la tifoseria che, nonostante non ci fosse il gruppo cardine del tifo organizzato giallorosso, ha intonato qualche coro sì di protesta, ma anche d’incitazione per i suoi beniamini nei momenti nei quali si vedeva che la squadra ne aveva bisogno. Ciò a dimostrazione del fatto che, quando si tifa una squadra, l’amore va oltre le decisioni prese fuori dallo stadio…

Nel prossimo match il Catanzaro affronterà la Cavese, già battuta in Coppa Italia per 5-2, domenica 2 dicembre allo stadio “Nicola Ceravolo” alle 14:30.

Di seguito la classifica aggiornata dopo la partita:

1 Juve Stabia 29
2 Rende 27
3 Trapani 25
4 Catania 24
Catanzaro 23
6 Vibonese 20
7 Casertana 18
8 Potenza 17
9 Sicula Leonzio 17
10 Monopoli 15
11 Cavese 13
12 Virtus Francavilla 13
13 Siracusa 11
14 Bisceglie 11
15 Reggina 11
16 Rieti 10
17 Matera 3
18 Paganese 3
19 Viterbese Castrense 1

  •   
  •  
  •  
  •