Ciro Immobile: segnare contro il Portogallo per tornare ad esplodere in azzurro

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Ciro Immobile – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Nonostante l’assenza per infortunio di Federico Bernardeschi, il c.t. azzurro, Roberto Mancini, non vorrà rinunciare al tridente avanzato per quanto riguarda il match di Nations League, in programma domani sera, contro il Portogallo, ragion per cui a far compagnia ad Insigne e Chiesa vi sarà, con ogni probabilità, Ciro Immobile, che in questa settimana di allenamenti a Coverciano, pare abbia superato la concorrenza di Domenico Berardi.

L’attaccante di Torre Annunziata, che con la Lazio ha sino ad ora siglato 8 gol in campionato ed uno in Europa League, ha tutta l’intenzione di tornare ad esultare anche in maglia azzurra, considerando che la sua ultima firma con la Nazionale risalga al 5 settembre 2017, in occasione dell’1-0 rifilato all’Israele, nella gara di qualificazione per il Mondiale in Russia. Da lì in avanti un preoccupante digiuno sotto porta ed un’esperienza sotto la guida del Mancio che stenti a decollare.

Analizzando attentamente le ultime quattro partite dell’Italia, Immobile è rimasto seduto in panchina nella doppia sfida di Nations League contro la Polonia, sia in quel di Bologna che di Chorzow, con il Portogallo si è visto in campo solamente per 59 minuti, mentre nell’amichevole, disputata a Genova, al cospetto dell’Ucraina ha calcato il rettangolo verde a partire dal 57′ senza lasciare, però, tracce indelebili. Tra gli attaccanti italiani, presenti in serie A, è il più prolifico, ma con la casacca della Nazionale fatica a brillare.

Le ultime scelte del Mancio, con quel tridente leggero e per alcuni versi anomalo, hanno arretrato nelle gerarchie il centravanti campano, che però vuol ritagliarsi il suo spazio a suon di gol e attraverso prestazioni convincenti. Il c.t. azzurro non ha mai nascosto di avere una predilezione per coloro, soprattutto attaccanti, che dimostrino un killer instinct infallibile in zona gol, anche se tra le fila dell’Italia, Ciro stenti a riproporre quanto di straordinario riesca a svolgere con disinvoltura all’ombra del Colosseo.

La sfida contro il Portogallo, in quel di “San Siro“, rappresenterà una ghiotta opportunità per il centravanti biancoceleste di riprendersi in mano le chiavi della Nazionale, interrompendo quel fastidioso digiuno in fase realizzativa, ribadendo la sua utilità nello scacchiere tattico imbastito da Roberto Mancini. Tornare a segnare e ad esultare in azzurro è una priorità per il calciatore campano, il quale spera di poter sfruttare al meglio questa chance, scacciando via i fantasmi del recente passato, potendo godere, così, di un rinnovato smalto e coinvolgente entusiasmo.

  •   
  •  
  •  
  •