Il Catanzaro verso la trasferta di Lentini con una difesa da ridisegnare

Pubblicato il autore: Maurizio Ceravolo Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Questo sabato, a Lentini, il Catanzaro affronterà la Sicula Leonzio, match valido per la 13^giornata di campionato di serie C giorone C. La chiave di questo match saranno le probabili assenze in difesa che potrebbero portare, l’allenatore giallorosso Gaetano Auteri, a fare delle scelte obbligate nel reparto che gli ha dato più certezze nelle 10 partite giocate con soli 7 gol subiti.

Figliomeni, al 90%, non dovrebbe essere a disposizione per la distorsione alla caviglia rimediata nell’ultima partita giocata contro il Rieti. Situazione diversa, almeno apparentemente, sembra essere quella di Riggio che ha avuto un piccolo risentimento muscolare ma dovrebbe essere tra i convocati.

Qualora dovesse dare forfait solo il primo, sarebbe pronto Nicoletti che, anche se adattato come centrale, ha dimostrato di poter fare bene ma, se dovessero dare forfait tutti e due quali potrebbero essere le soluzioni? Auteri, questa volta, potrebbe essere chiamato a fare il miracolo perché la sua squadra, in difesa, sembra essere stata colta da una maledizione con gli infortuni di Pambianchi, Signorini e per ultimo Figliomeni.

Una soluzione, volendo mantenere la difesa a tre, potrebbe essere l’utilizzo di un centrale, fino ad ora, mai impiegato come Nikolopoulos. Un’altra, potrebbe essere cambiare modulo passando ad un 4-3-3, arretrando Statella e Favalli a terzini con i centrali Nicoletti e Celiento, sulla mediana Maita affiancato da Iuliano ed Eklu, e l’attacco con Kanoutè, Ciccone e Fishnaller. 

La partita si avvicina ed i dubbi sono ancora tanti ma una cosa è certa: il Catanzaro vuole confermarsi. Perciò, l’obiettivo sarà cercare di recuperare almeno Riggio per non dover ridisegnare una squadra che, fino ad ora, ha dimostrato di riuscire ad arrivare ad un buon equilibrio tra i vari reparti.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Italia, partenza col botto, ma piedi per terra