Inter, c’è un giocatore di cui non puoi fare a meno: i dati lo dimostrano

Pubblicato il autore: Armando Areniello Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

In casa Inter si cerca di accantonare l’amarezza per la brutta sconfitta subita prima della sosta contro l’Atalanta. Un match che ha lasciato pochi alibi, con la squadra che non sembra neanche essere scesa in campo, rimanendo con la testa alla sfida di Champions League contro il Barcellona.
Si è trattata della terza sconfitta in campionato, dopo quelle subite contro Sassuolo e Parma, che ha messo fine alla striscia di sette vittorie consecutive. Nella trasferta di Bergamo, però, mancava quello che probabilmente è l’elemento fondamentale per l’undici di Luciano Spalletti: Radja Nainggolan.

I NUMERI – Il centrocampista belga è stato acquistato l’estate scorsa dalla Roma per 25 milioni di euro più i cartellini di Niccolò ZanioloDavide Santon. Il Ninja ha saltato le prime due gare, contro Sassuolo e Torino, per un problema muscolare accusato nel ritiro e in queste due gare sono arrivate una sconfitta e un pareggio. A dimostrazione di come l’Alieno (come ama definirlo Spalletti) sia imprescindibile ci sono stati gli altri due ko arrivati senza la sua presenza in campo, al Camp Nou contro il Barcellona e domenica contro l’Atalanta. Anche quando non è al 100%, infatti, Nainggolan sembra essere decisivo per gli schemi dell’Inter. Nelle undici sfide, tra campionato e Champions League, giocate con il belga in campo, i nerazzurri hanno ottenuto l’82% delle vittorie, con un solo pareggio (in casa contro il Barcellona) e una sconfitta (contro il Parma). Ma ci sono anche altri numeri molto indicativi che testimoniano come l’ex Roma sia incisivo nel gioco della squadra nerazzurra. Con lui la media-gol realizzati dai nerazzurri è di 1,9 a partita, contro l’1,2 senza; mentre per quanto riguarda i gol subiti si passa dallo 0,5 a gara con Radja all’1,8 quando lui non c’è. E con Nainggolan vola anche la media punti 2,5 a partita, più del triplo di quando l’Inter è costretta a fare a meno del belga (0,8). L’unica vittoria è arrivata contro la Lazio allo stadio Olimpico, nella notte del rilancio di Joao Mario.

Leggi anche:  Milan, Paolo Maldini: contatto con il Gent per Yaremchuk e spinta su Zaccagni

RITORNO CON IL FROSINONE – Nainggolan ora sta lavorando per tornare in campo dopo l’infortunio alla caviglia. L’obiettivo del centrocampista belga è quello di tornare in campo contro il Frosinone alla ripresa del campionato, con l’anticipo delle 20:30 in programma allo stadio Meazza sabato 24 novembre. Probabile, comunque, il giocatore non giochi l’intera gara, ma solo uno spezzone per essere poi al top della forma per il tour de force che aspetta la squadra nerazzurra. L’Inter, infatti, dopo la sfida contro i ciociari, sarà impegnata in Champions League contro il Tottenham al Wembley Stadium, in una gara decisiva per il passaggio del turno. Dopodiché arriveranno due sfide fondamentali per la corsa scudetto e la corsa Champions, entrambe in trasferta, allo stadio Olimpico contro la Roma e all’Allianz Stadium contro la Juventus. Alla luce di questi impegni, quindi, è probabile che in Ninja parta dalla panchina sabato prossimo, con il probabile ritorno di Joao Mario dal primo minuto dopo l’esclusione un po’ a sorpresa contro l’Atalanta. Non ci sarà Marcelo Brozovic, squalificato, e al suo posto sarà impiegato Borja Valero in quel ruolo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: