Inter, quando Van der Meyde a Londra sembrò un fenomeno

Pubblicato il autore: Francesco Fiori Segui

L’Inter è oggi di scena a Londra contro il Tottenham. Una trasferta che rievoca il ricordo piacevole del 17 settembre 2003, quando un numero 7 trascinò in nerazzurri in una serata da leggenda. Quel 7 si chiamava Andy Van der Meyde.

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

L’Highbury mai inviolato fino a quel giorno, con un’Inter 2003/04 lontana anni luce da quella attuale, che sta ancora cercando ciò che vuole Cuper: ordine, carattere e vittoria. Una campagna acquisti che per il 2003-04 non regala esagerazioni, con gli acquisti di Cruz, Kily Gonzalez e appunto l’olandese Van der Meyde, deve però sopperire alla cessione di Crespo, sempre a Londra, ma sponda Chelsea.
La serata di settembre, come molti sperano accada oggi, regala una prestazione leggendaria contro l’Arsenal di Wenger, Bergkamp, Henry, Ljungberg, Vieira e Pires, nettamente più forte rispetto alla squadra di Milano.
Eppure l’undici iniziale di Hector Cuper, un 4-4-2 classico, stupisce i padroni di casa per l’aggressività e la velocità, Con la coppia d’attacco Martins-Cruz in giornata di grazia.
Proprio El Jardinero Cruz infila Lehman dopo 21 minuti, liberato tutto solo da un uno-due con Martins. Stupita, ma non abbattuta la formazione londinese deve inchinarsi tre minuti dopo quando Kily Gonzalez mette al centro per Martins che la prolunga di testa per l’accorrente Van der Meyde che al volo, di destro, segna il gol più bello della sua avventura italiana.
Quel meraviglioso gol illude l’Inter e tutti gli interisti di aver trovato un gioiello come giocatore, quando invece il carattere dell’olandese non fa mai esplodere Van der Meyde che proprio in quel giorno di Londra tocca l’apice dell’avventura milanese, chiudendo poi tra tanti fallimenti una carriera segnata anche dall’abuso di alcool.
Quella sera però l’Inter si supera, sbanca Londra vincendo per 3-0 con Martins a chiudere lo score del tabellino marcatori e Toldo a prendersi applausi fermando Henry su rigore.
Una serata magica, illusoria di una pazza Inter capace poi di perdere 1-5 al ritorno quando sulla panca nerazzurra sedeva Alberto Zaccheroni.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Sky, DAZN, Eleven Sports? Dove vedere Copa America 2021 in tv e in streaming, 47^ edizione Brasile