Mertens, infortunio alla spalla contro il Psg: lieve distorsione

Pubblicato il autore: Matteo Ingrosso Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Tirano un sospiro di sollievo i tifosi del Napoli e i possessori fantacalcistici del talento belga. Sembra meno grave del previsto l’infortunio che ha costretto Dries Mertens all’uscita dal campo nei minuti finali del match di Champions League contro il Paris Saint-Germain. Fortunatamente, la distorsione non ha interessato la spalla sinistra, quella che aveva tenuto il belga fuori per buona parte di settembre, ma quella destra. I tempi di recupero, quindi, dovrebbero essere ridotti. Mertens ha potuto svolgere l’allenamento del primo pomeriggio, svolgendo terapia e scarico, per cercare di essere a disposizione di Ancelotti per la partita di sabato sera contro il Genoa, l’ultima prima della sosta delle nazionali. Difficilmente potremo vedere l’attaccante belga scendere in campo dal primo minuto a Marassi, ma non è esclusa una staffetta con Milik, favorito per partire dal primo minuto.

Leggi anche:  Ivan Castiglia a SuperNews: "Reggina è casa mia. Venezia? Promozione a sorpresa. Da ragazzino sognavo di giocare nell'Inter..."

Tramite il proprio sito internet, la società del Napoli ha divulgato il comunicato ufficiale sulle condizioni di Mertens:”Mertens, che è uscito nel finale del match con il PSG, ha riportato una lieve distorsione alla spalla. Dries ha svolto terapie e scarico“.
Paura scampata quindi per il belga e per i sostenitori partenopei, che mai avrebbero voluto rinunciare all’uomo più informa degli azzurri insieme a Lorenzo Insigne e Kalidou Koulibaly: i due attaccanti e il difensore senegalese sono di gran lunga i trascinatori del Napoli in questo momento -Mertens è reduce dalla tripletta contro l’Empoli nell’ultimo turno di Serie A-, sia in campionato che in Champions League. Poter contare su tutta la rosa rappresenta sempre un bel vantaggio per un allenatore, motivo per il quale sarà più probabile vedere Mertens di nuovo in campo in seguito alla sosta delle nazionali per non rischiare di allungare i tempi di recupero.

  •   
  •  
  •  
  •