Napoli-PSG, Al Khelaifi contro l’arbitro: “Punti persi per colpa sua”

Pubblicato il autore: Domenico Di Gennaro Segui

Neymar – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Il match di Champions League del San Paolo tra Napoli e Paris Saint-Germain si è concluso sul punteggio di 1 a 1, risultato che lascia aperte le speranze di entrambe le squadre nell’economia del girone C. Le prossime due partite saranno fondamentali per decidere chi passerà agli ottavi e sicuramente a cadere sarà una squadra illustre, vista la presenza nel girone di Liverpool, Napoli e PSG. Il pareggio di ieri ha dimostrato ancora una volta che il Napoli formato Champions disegnato da Ancelotti può giocarsela veramente con tutti. Semmai i partenopei possono recriminare per il fatto di non aver bucato la difesa parigina più volte, merito degli interventi di un superlativo Buffon. Il PSG, d’altro canto, lascia il San Paolo con l’amaro in bocca per non aver conquistato quei tre punti che gli avrebbero garantito il primo posto nel girone e, soprattutto, la tranquillità nel giocare le rimanenti due partite. Inoltre, ai francesi non è andato giù l’arbitraggio di Kuipers, a causa di alcuni errori che avrebbero “favorito” la formazione di casa in più di una situazione, condizionando così l’andamento della partita.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: per il dopo Eriksen c'è Calhanoglu

NAPOLI-PSG, LE PROTESTE DI AL KHELAIFI – A parlare di errori arbitrali è stato il patron del PSG Nasser Al Khelaifi che, ai microfoni di RMC Sport, si è espresso duramente contro l’operato di Kuipers invocando l’introduzione del VAR anche in Champions League: “Abbiamo perso due punti per due errori dell’arbitro. C’è fuorigioco sul rigore del Napoli e c’era un rigore per noi, ma bisogna accettare gli errori dell’arbitro. È chiaro, però, che l’introduzione della Var è necessaria e bisogna agire il più rapidamente possibile, al San Paolo due errori ci sono costati due punti“. Il presidente qatariota si riferisce a due episodi avvenuti nel secondo tempo. Il primo al 61′ sul rigore concesso al Napoli per il sandwich in area di Buffon e Thiago Silva su Callejon. Il centrocampista spagnolo del Napoli parte effettivamente in posizione di fuorigioco, ma in realtà il tocco maldestro di Thiago Silva annulla l’offside e rende la sua azione regolare. Il secondo espisodio sarebbe il fallo di Maksimovic su Bernat al 71′, quello sì un rigore sembrato abbastanza evidente a tutti tranne che all’arbitro Kuipers. E’ chiaro che il VAR, che sarà introdotto in Champions League solo a partire dalla prossima stagione, avrebbe quanto meno aiutato l’arbitro nelle sue decisioni e placato magari qualche polemica.

Leggi anche:  Sky o Eleven Sports? Dove vedere Argentina-Paraguay in tv e in streaming, Copa America 3^ giornata

NAPOLI-PSG, LE DICHIARAZIONI DI TUCHEL E NEYMAR – Altre dichiarazioni al veleno in merito all’arbitraggio del San Paolo sono arrivate dall’allenatore del PSG Thomas Tuchel (da Calciomercato.com): “Per molto tempo ho visto una buona squadra, siamo stati sfortunati come lo siamo stati alle volte anche in casa. Stasera non è stato possibile vincere, il girone è molto equilibrato e noi siamo ancora padroni del nostro destino. […] Il rigore del Napoli nasce da un fuorigioco, poi a noi manca un rigore, sicuramente il risultato poteva essere diverso. Dobbiamo accettare il risultato e andare avanti“. In zona mista anche il fuoriclasse brasiliano Neymar ha voluto dire la sua sul comportamento dell’arbitro Kuipers e le sue dichiarazioni, raccolte da RMC Sport, non sono state certamente al miele: “L’arbitro ha detto qualcosa che non avrebbe mai dovuto dirmi. E’ stato irrispettoso nei miei confronti“. Cosa abbia detto realmente il fischietto olandese all’indirizzo di Neymar non è dato sapere.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,