Premier League, ecco perchè Ranieri è il profilo giusto per il Fulham

Pubblicato il autore: Cosimo Commisso Segui

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Claudio Ranieri, per la felicità dei suoi tanti estimatori, torna ad allenare. E dove avrebbe potuto farlo, se non nella sua amata Inghilterra? Il Fulham è la nuova sfida del tecnico italiano, una società tanto gloriosa quanto al momento in difficoltà. Naviga nei bassifondi della Premier League, è ultima ed ha a referto una sola vittoria, due pareggi e ben nove sconfitte. L’ormai ex Jokanovic non ha mai dimostrato le competenze necessarie per sfruttare gli sforzi fatti dalla dirigenza nell’ultima sessione estiva. Il mercato ha portato tra le fila dei “cottagers” giocatori del calibro di Andrè Schurrle, Mitrovic, Sergio Rico, Seri e Vietto e nessuno tra gli addetti ai lavori aveva previsto un rendimento così scadente. La squadra ha subito trentuno gol in dodici partite, il che significa più di 2,5 di media, subendo cocenti umiliazioni tra cui quella contro gli acerrimi rivali dell’Arsenal. Il Craven Cottage ha dovuto sopportare anche la passeggiata del Bornemouth, che si è imposto per tre reti a zero, e ora non ne può più. La scelta di Ranieri, dunque, mira a ristabilire una certa credibilità in un ambiente per nulla da zona retrocessione, anzi. Le sconfitte contro Cardiff, Huddersfield e Brighton potrebbero rivelarsi decisive ai fini della salvezza, considerando il non facile calendario del periodo natalizio, ma l’allenatore è convinto che le risposte non tarderanno ad arrivare.

Leggi anche:  DIRETTA LIVE Lavello Taranto Serie D: cronaca e risultato in tempo reale

Riassemblare la difesa e segnare di più, le sfide di Ranieri

Morgan e Huth, storica coppia difensiva del Leicester dei miracoli, non erano dei fenomeni ma riuscirono ad imporsi sugli attaccanti più forti della lega. In quell’anno molte partite vennero vinte dalle foxes per uno a zero, dimostrando cinismo e solidità. Ecco, Ranieri cercherà di rievocare lo stesso spirito nel Sud di Londra. Per le sue squadre non è accettabile subire gol in generale, figuriamoci tre reti a weekend. L’idea è quella di un assetto meno offensivo, magari puntando su un classico 4-4-2 piuttosto che sul 4-3-3, con Schurrle e Sessegnon sulle fasce. I due esterni, che nel sistema di gioco del tecnico sono fondamentali, dovranno imparare a ripiegare in difesa in fase di non possesso, proprio come facevano alla grande Mahrez e Albrighton. Seri non è Kante, è chiaro, ma ha esperienza e fungerà da diga in mezzo al campo. Mitrovic, invece, non è mai stato un bomber di razza. I pochi gol siglati dal serbo sono un problema, ma un’eventuale rinascita di Luciano Vietto e uno sguardo al mercato potrebbero risollevare la situazione.

Leggi anche:  Dove vedere Lavello-Taranto, streaming gratis Serie D e diretta TV in chiaro?

Il Fulham, al rientro dopo la pausa, se la vedrà con un Southampton che non naviga in acque tranquille, in un match non fallire assolutamente. La settimana seguente sarà lo Stamford Bridge a riaccogliere Ranieri, uno stadio a lui più che familiare. Non perdere contro il Chelsea dei record di Maurizio Sarri evidenzierebbe già la bontà del lavoro dell’italiano. Quest’ultimo, una volta accettata la destinazione, avrà sicuramente controllato la data di Fulham- Leicester. La commozione durante le celebrazioni del funerale dell’ex presidente delle foxes testimonia l’amore ed il forte attaccamento rimasto nel tecnico, anche post-esonero. Il 5 Dicembre, giorno della partita fra le due compagini, l’emozione prenderà certamente il sopravvento nel ricordo di quella felicità passata che Ranieri spera di poter rivivere.

  •   
  •  
  •  
  •