Bojan ricorda:«Roma, troppa pressione »

Pubblicato il autore: Andrea Alampi Segui

Lo spagnolo Bojan Krkic Perez, classe 1990, attualmente in forza agli inglesi dello Stoke City, torna a parlare dei suoi trascorsi nel massimo campionato italiano dove ha militato con le maglie di Roma e Milan senza lasciare il segno in 52 presenze con 10 reti. In particolare della sua stagione trascorsa all’ombra del Colosseo con la maglia della Roma, guidata allora dal tecnico spagnolo Luis Enrique, con cui ha collezionato 37 presenze condite da 7 reti. Incalzato dal canale britannico BBC ha dichiarato sull’esperienza capitolina:«Mi ricordo di una partita persa fuori casa (contro l’Atalanta per 4-1, ndr), e dei tifosi che ci aspettavano davanti al pullman. Ci dissero: ‘Questa l’avete persa, va bene, ma la prossima settimana c’è il derby: quello non dovete sbagliarlo’. Ecco, ci sono dei giocatori che subiscono questa pressione, altri invece no: io posso solamente dire che in Premier League tutto questo non esiste e che qui mi diverto giocando a pallone. Sono sbarcato a Roma con troppe aspettative. Mi chiamavano il nuovo Messi, ma Lionel segnava tre gol a partita, è un fuoriclasse. Se giocavo bene non era abbastanza, dovevo sempre essere il migliore, la stella della partita. Dovevo essere Messi. Questo sicuramente non ha aiutato la mia crescita calcistica».

Leggi anche:  Serie B, dove vedere Brescia-Cremonese in diretta e streaming: Sky, Dazn o Helbiz?

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: