Inter, Spalletti in conferenza: “Perisic è stato tratto in inganno”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui


L’Inter di Luciano Spalletti, dopo un inizio di 2019 non semplice caratterizzato da un pareggio e una sconfitta in Campionato, proverà a centrare il suo primo obbiettivo stagionale, conquistando la qualificazione alla semifinale di Coppa Italia a scapito della Lazio. Chi vincerà la sfida di Giovedì infatti, affronterà nel penultimo step della competizione il Milan di Gattuso che, grazie alla doppietta del neo arrivo Piatek, ha eliminato il Napoli con un netto 2-0.

Il periodo per i nerazzurri non è dei migliori: gli scarsi risultati in campo, le brutte prestazioni di alcuni giocatori chiave, le voci di calciomercato e la richiesta di cessione da parte di Perisic confermata dalla società, fanno di questo inizio dell’anno, un periodo molto complicato per Luciano Spalletti. Il tecnico ex Roma dovrà riprendere le redini della squadra al più presto per affrontare al meglio il periodo clou della stagione e avvicinarsi agli obbiettivi prefissati ad inizio anno.

Leggi anche:  Milan, il dopo-Ibrahimovic ha già un nome

Il tecnico dell’Inter, nella consueta Conferenza Stampa pre-partita, ha parlato del difficile momento che sta vivendo la squadra e della ricetta per poter passare il turno e regalarsi una semifinale contro i ‘cugini’ rossoneri: “Dobbiamo metterci tutto quello che abbiamo, nelle ultime partite non ci siamo riusciti. Lo sforzo deve essere quello di dare il massimo in ogni occasione. Domani sarà una partita importante, carica di difficoltà. La soluzione? Dovremo essere l’Inter, così avremo grandi chances di passare il turno”.

L’ultimo arrivo in casa nerazzurra è stato Cedric Soares, terzino portoghese ex Southampton che, a detta dello stesso allenatore dell’Inter, non dovrebbe partire titolare nella sfida di Giovedì: “La vedo difficile che possa partire già dal primo minuto. Lui però ha già fatto vedere di poter fare bene il terzino in una difesa a quattro e l’esterno a tutta fascia con una retroguardia a tre. Ha due buonissimi piedi, conosce bene il suo mestiere e può farci molto comodo”.

Leggi anche:  Juric dopo la vittoria contro il Genoa: "Il rientro degli attaccanti fondamentale. Su Belotti..."

Negli ultimi giorni ha tenuto banco in casa nerazzurra il caso Perisic. L’esterno croato ha chiesto alla dirigenza la cessione (richiesta confermata anche dall’AD Giuseppe Marotta) ma non avrebbe ricevuto nessuna offerta concreta. In merito a ciò il tecnico ex Roma ha dichiarato: “Io con i giocatori ci parlo, quello che dico a loro non lo vado ad esternare fuori. Si è parlato di Vecino che vuole andare via, ma non è vero. Perisic è stato tratto in inganno, probabilmente gli è stata fatta un’offerta irrinunciabile che lo ha ingolosito. È tra i convocati, vedremo se impiegarlo oppure no. Oggi si è allenato e, rispetto a ieri, l’ho visto con uno spirito diverso. Keita? Difficile che possa esserci col Bologna”.

Anche Miranda e Candreva sono al centro delle voci di mercato:”Miranda ha delle richieste ma non ci ha mai detto di voler andare via, stesso discorso per Candreva. Quello che l’ha detto è Perisic ma, con quello che gli avevano proposto lo si può capire un po’. Dovevano arrivare 50 giocatori a gennaio ma non sarà acquistato nessuno: Zhang ha detto che il mercato è chiuso ed è così”.

Leggi anche:  Thiago Motta dopo la sconfitta contro la Samp: "Pensiamo già alla prossima partita. Nzola sta tornando in condizione"

In merito alla squalifica di due giornate comminata a Politano, il tecnico ha affermato:”Dispiace per Matteo, gli è scappata una parola ma il fallo l’ha preso. Pure stavolta si accetta il verdetto e si sta a guardare”.

  •   
  •  
  •  
  •