Simone Zaza – Che Fine ha Fatto?

Pubblicato il autore: Alberto Sartorello Segui

Cos’è Successo?

Obiettivi utopici vedevano un Torino a lottare per un posto in Champions League in questa stagione. Utopici fino ad un certo punto punto, se solo pensiamo al fatto che la squadra di Cairo al momento, si trova stabilmente nella metà sinistra della classifica del campionato di serie A. Per ora occupa la decima piazza a 30 punti e il quarto posto, ultima posizione utile per la Champions League,
è occupato dalla squadra di Ivan Gennaro Gattuso. Il Milan dista appena 5 lunghezze, intervallate da altrettante squadre.

Eppure in tutto questo l’oggetto misterioso dei granata porta un unico nome: Simone Zaza.
Ebbene si, l’attaccante proveniente dal Valencia doveva portare alla compagine di Mazzarri la qualità giusta per scalfire qualunque squadra, anche la più temuta e magari quella diretta concorrente di Torino che veste divise bianconere, con il quale lo stesso numero undici granata ha giocato nel, non troppo lontano 2016.

Leggi anche:  Milan, nuova tegola: Brahim Diaz positivo al Covid-19

Invece proprio in quel match, il ragazzo della Basilicata ormai ventisettenne, ha dato il peggio di sé portando a cassa un bel 4 in pagella e quel rigore subito che molto ha di suo. L’aspettative tradite, poca fiducia e un feeling con il goal pressoché inesistente hanno portato Zaza ad inanellare prestazioni negative.

Pienamente riabilitato dopo quel rovinoso errore dal dischetto agli europei, che ha fatto di Zaza un meme, i tifosi del Torino si aspettavano un attacco formidabile trascinato dall’istinto di Belotti, la classe di Iago Falque e la vena realizzativa di Zaza, ma ben presto hanno dovuto ricredersi.

L’ex Juventus e Valencia fin’ora ha timbrato prestazioni ad dir poco imbarazzanti, trovando la via del goal in un’unica occasione contro il Chievo nel lontano (ormai troppo) settembre 2018. Sono state 19 le apparizioni dell’attaccante del Torino tra coppa e campionato, non proprio una passerella per uno che era abituato a segnare con una certa regolarità.

Leggi anche:  Inter, rinnovo-Barella: i nerazzurri puntano a "blindare" il centrocampista

Tutto questo fino alla scorsa partita quando con l’Inter allenata da Luciano Spalletti, Zaza ha sfornato una prestazione più che buona, governata da carattere e voglia di riprendersi l’appellativo di “bomber” distante da un pò troppo.

Appare notizia poi delle ultime ore che i tifosi spagnoli del Valencia hanno inneggiato al ritorno di Zaza. Come biasimarli l’attaccante del Torino e della nazionale la scorsa stagione ha totalizzato 33 presenze contornate da ben 13 goal. Un vero e proprio record per lui che non aveva mai superato quota 11 (In una massima serie) raggiunta nella stagione 2014 – 2015 vestendo la maglia nero verde del Sassuolo.

Ed ora che si farà?

Sembra da escludere in qualsiasi modo che l’attaccante numero 11 venga richiamato dal prestito in Spagna anzitempo, sopratutto per il motivo che la squadra di Mazzarri dovrebbe tornare prepotentemente sul mercato a pochissime ore dalla sua chiusura.

Leggi anche:  Dybala out contro la Roma: le parole di Allegri in conferenza stampa

Infatti sembra che Zaza possa quanto meno terminare la stagione a Torino, per poi pensare se continuare la propria carriera in Piemonte o riabbracciare gli spagnoli che tanto lo venerano. Sicuramente quanto ne uscirà da questa situazione sarà la permanenza di Simone sperando riesca a migliorare la sua vena realizzativa facendo ricredere tutti, presidente, allenatore, tifosi e noi compresi che avevamo creduto in lui.

 

  •   
  •  
  •  
  •