Bundesliga, clamoroso Rebic: segna al Werder ma non esulta perchè pensa sia il Lipsia

Pubblicato il autore: Gioacchino Lepre


Il rispetto si sa, è la base dell’educazione. Chi non apprezzerebbe – tanto nella vita quanto nel calcio – degli atteggiamenti di riconoscenza?

Qui però si è sfiorato il limite tra l’ironico ed il grottesco. Siamo a Brema, ed è lo scorso 26 gennaio. In campo i padroni di casa del Werder contro i biancorossi del Francoforte, in un match intrigante valevole per la diciannovesima giornata di Bundesliga.
Ci sono tutti i presupposti per un match interessante e godibile – come testimonierà il 2-2 finale – ma che nei fatti verrà ricordato per la clamorosa amnesia di Ante Rebic, attaccante croato delle Aquile, con un trascorso in Serie A tra le fila della Fiorentina e dell’Hellas Verona.

Il numero 4 ospite realizza al 35′ la rete del momentaneo 1-1, disegnando una parabola deliziosa con un mortifero sinistro a giro che non lascia scampo a Pavlenka. Incredibilmente, però, Rebic non esulta: i compagni corrono ad abbracciarlo per festeggiare la rete del pareggio ma il croato resta semi-impassibile.

Leggi anche:  Manchester United-Reading, streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere FA Cup

E’ rimbalzata nelle ultime ore, infatti, la notizia che Rebic abbia confuso il Werder Brema con la sua ex squadra, il Lipsia (avversaria del Francoforte il prossimo 9 febbraio).
Un lapsus, dunque, che spiegherebbe il perché l’attaccante abbia frenato il suo istinto di gioia in occasione del goal.

  •   
  •  
  •  
  •