Cristiano Ronaldo-Juventus, una storia già al capolinea?

Pubblicato il autore: Mattia Di Battista Segui

Cristiano Ronaldo-Juventus: un amore già al capolinea?

Cristiano Ronaldo e la Juventus potrebbero già dirsi addio a giugno. Questa è l’indiscrezione arrivata dalla Spagna. Infatti, secondo il quotidiano “Don Balón”, il portoghese si sarebbe già stufato della sua esperienza in bianconero e starebbe pensando seriamente di lasciare Torino a fine stagione, dopo solo un anno di permanenza. Sempre secondo quanto scritto dalla giornalista Paula Serrano, Cristiano Ronaldo sarebbe rimasto deluso dalla squadra che gli era stata promessa da Andrea Agnelli la scorsa estate per convincerlo a vestire la maglia della Juventus. Proviamo a fare ordine e a capire se questa indiscrezione può diventare realtà.

Cristiano Ronaldo: l’approdo alla Juventus con un solo obbiettivo

La storia di CR7 con la Juventus era cominciata clamorosamente la scorsa estate, dopo l’altrettanto clamoroso addio al Real Madrid, club nel quale era approdato nel 2009 dal Manchester United, vincendo due campionati spagnoli, due Coppe del Re, una Supercoppa di Spagna, due Supercoppe UEFA, quattro Champions (di cui tre consecutive) e tre mondiali per club, frantumando ogni record individuale condito da cinque Palloni d’Oro consecutivi. L’approdo alla Juve di Cristiano Ronaldo aveva generato un entusiasmo enorme nel movimento calcistico italiano e, soprattutto nella tifoseria bianconera che, dopo anni di continui successi a livello nazionale, cerca la consacrazione europea, vincendo quella Champions League che a Torino manca dal 1996.

Leggi anche:  Ballardini dopo la sconfitta contro il Torino: "Nel primo tempo non abbiamo concesso tanto. Su Kallon..."

Cristiano Ronaldo alla Juventus: dominio nel campionato italiano, ma tanta fatica in Europa

Fin qui, la stagione di Ronaldo si è rivelata molto positiva in campionato, con la Juventus dominatrice incontrastata ma molto faticosa in Champions League, proprio in quel terreno nel quale CR7 è sempre stato protagonista assoluto con il Real Madrid. Mai, infatti, l’asso portoghese era stato così poco incisivo nella competizione mettendo a segno solo un gol in sette partite giocate fin qui. Va detto anche, che nella tanto bistrattata Serie A non è riuscito finora a ripetere i numeri mostruosi che aveva collezionato nella Liga a livello realizzativo, pur essendo molto più determinante. La dimostrazione palese delle difficoltà di Ronaldo e della Juve in Europa si è avuta nell’ultima partita giocata per l’andata degli ottavi di finale contro l’Atlético Madrid, nella quale i bianconeri sono stati letteralmente surclassati dagli spagnoli e Cristiano Ronaldo è sembrato impalpabile in campo, cadendo perfino nelle provocazioni del pubblico del Wanda Metropolitano.

Leggi anche:  Calendario 10° giornata Serie A: quali partite su Sky e Dazn?

Cristiano Ronaldo: la possibile eliminazione dalla Champions ed un possibile ritorno

La disastrosa partita persa a Madrid 2-0, ha compromesso seriamente il cammino della Vecchia Signora e del suo beniamino lusitano in Champions e, secondo quanto riferito dall’autorevole “Don Balón”, potrebbe segnare uno spartiacque nell’esperienza del campione di Madeira alla Juve, specie qualora il risultato dell’andata non venisse ribaltato. Perciò, CR7 starebbe meditando di cambiare aria già a giugno, deluso dalle aspettative che si era creato sulla sua squadra. Un clamoroso addio che potrebbe aprire la strada ad un clamoroso ritorno dell’attaccante al Manchester United  che lo prelevò nel 2002 dallo Sporting Lisbona facendolo diventare il campione assoluto che è oggi. L’ambiente dei Red Devils sarebbe ben lieto di riabbracciare il suo ex idolo, dopo anni di delusioni seguito all’addio di Sir Alex Ferguson, storico allenatore degli inglesi. Un’operazione che dovrebbe costare al club poco meno di cento milioni e che sarebbe patrocinata dal main sponsor Chevrolet. Solo una suggestione? Potremo cominciare a capirlo solo dopo la partita di ritorno contro i Colchoneros.

  •   
  •  
  •  
  •