FC Barcelona – Messi risolve il derby di Barcelona

Pubblicato il autore: Giuseppe Ortu


E’ ancora Messi show! Due perle dell’argentino risolvono il derby di Barcelona. Su punizione la prima rete, al 71′; su azione la seconda, un minuto prima del novantesimo. Due marcature che portano l’astro argentino ancora più in alto in tutte le classifiche di specialità della Liga e internazionali. Con questa nuova doppietta, il Diez sale a quota 31 nella graduatoria del Pichici, staccando la seconda posizione, occupata dall’altro blaugrana Suarez, di tredici reti. Primo anche nella specialità degli assist, dove guida il gruppo con 12 pases decisivos (tre in più di Jony). Con questi dati è ovviamente leader anche nella specialità goals + assists con 43 davanti al compagno di squadra Suarez (secondo a 24). L’egemonia di Messi perdura anche uscendo fuori dai confini nazionali, dove capeggia i partecipanti alla conquista della Scarpa d’Oro. Kylian Mbappe segue il Genio di Rosario a quota 26 segnature. Insomma, una stagione veramente da Pallone d’Oro, sopratutto se si pensa che il tanto sponsorizzato Ronaldo, in Italia non è nemmeno in testa alla classifica dei marcatori. Fermo a quota 19 reti, il portoghese deve accodarsi, in compagnia del baby Piatek, al 36 enne sampdoriano Fabio Quagliarella. Ben lungi dai 31 realizzati da Leo Messi.

Leggi anche:  Marsiglia-Psg, streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere Coppa di Francia

Il Barça ha giocato contro i pericos con un occhio ai consumi di carburante mentale e fisico e con un altro al rassicurante vantaggio in classifica vantato sulla seconda posizione. Alla “vigilia” dei quarti di finale contro lo United del confermato Solskjaer (la partita è in programma il 10 aprile), l’obiettivo era vincere risparmiando quanto più è possibile energie. La stagione sta entrando nella sua fase decisiva, e arrivarci nelle migliori condizioni psicofisiche è basilare per continuare nel solco del triplete. Valverde, nella conferenza stampa della vigilia della sfida di questo pomeriggio contro l’Espanyol, aveva avvertito della necessità di fare riposare sopratutto Messi nelle sfide meno importanti. L’argentino gioca da dicembre su un dolore al pube che si vuole evitare che si trasformi in pubalgia. Dunque nelle partite di Liga scenderà in campo laddove è strettamente necessario per concentrarsi totalmente sulla Champions, quest’anno obiettivo numero uno del FC Barcelona.

Leggi anche:  Calciomercato, caccia allo svincolato: l'Inter si muove velocemente

La partita è rimasta sui binari di un apparente equilibro, solo sul piano del risultato, per gran parte della gara. Mancanza di concentrazione nelle conclusioni e uno spirito non garibaldino hanno fatto sì che il predominio sul gioco non si concretasse in una goleada nei primi 45′ di partita.

Nella ripresa, la magia su punizione del 10, un soffio al pallone da sotto, come una leggera carezza, ha mandato all’aria i piani dell’Espanyol, cercare di arrivare allo 0-0 finale con una continua e persistente perdita di tempo. La rete del raddoppio è giunta su un contropiede condotto da Malcom, subentrato a Arthur al 60′, e conclusa con un tocco di interno collo sinistro dal Diez che ha decretato la fine delle ostilità.

  •   
  •  
  •  
  •