Il silenzio dell’allenatore della Roma Di Francesco: rabbia VAR e possibile esonero

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

L’uscita di scena dalla Champions League per mano del Porto al termine di una gara dalle mille polemiche ha lasciato grande rabbia e delusione in casa Roma. La sconfitta in terra portoghese, arrivata probabilmente ben oltre i demeriti della formazione di Di Francesco, lascerà adesso inevitabilmente scorie sulla squadra giallorossa a partire dal futuro dello stesso tecnico italiano. Il silenzio dell’allenatore della Roma Di Francesco al termine della gara persa per 3 a 1 contro il Porto testimonia di quanto sia esplosiva la situazione emotiva in casa giallorossa: il rigore dubbio assegnato al Porto, che ha di fatto indirizzato la qualificazione, ed il mancato consulto della VAR da parte dell’arbitro Cakir sull’intervento ai danni di Schick, sono episodi che hanno lasciato un forte amaro in bocca al tecnico della Roma che a fine partita ha preferito isolarsi, rimanendo lontano dai microfoni. Nessuna parola, nessuna dichiarazione. Rabbia, sconforto, recriminazione e tanta  delusione per il tecnico della Roma Di Francesco. Ha voluto tenere tutto dentro l’allenatore giallorosso rintanandosi sul pullman subito dopo la partita sperando in questo modo di lasciar sbollire la rabbia per la sconfitta. Di Francesco, dopo la cocente delusione del derby di sabato scorso, sapeva che da Porto – Roma dipendeva buona parte del proprio futuro sulla panchina giallorossa e l’uscita di scena dalla Champions League nel modo in cui è avvenuta ha rappresentato una delusione troppo grande, difficile da commentare con lucidità, a caldo. Nonostante le “attenuanti” del caso, con la condotta arbitrale di Cakir apparsa non omogenea specialmente nel caso del mancato consulto VAR sul presunto fallo su Schick, la posizione di Di Francesco rimane comunque in bilico e lo spettro di un esonero è in agguato. Il futuro del tecnico giallorosso verrà discusso dalla società nelle prossime ore e, nonostante le parole di ieri a caldo di De Rossi che ha dichiarato come la squadra sia dalla parte di Di Francesco, il ciclo dell’allenatore a Roma potrebbe essere ormai giunto a conclusione. I nomi in ballo per la sua eventuale sostituzione rimangono quelli di Ranieri, Donadoni, Panucci e più staccato Paulo Sousa che ha un accordo in dirittura con il Bordeaux.

Leggi anche:  Dybala out contro la Roma: le parole di Allegri in conferenza stampa
  •   
  •  
  •  
  •