Ajax, la mitologia greca nel nome e l’Italia nel soprannome

Pubblicato il autore: Mattia Di Battista

Ajax: la squadra olandese sfida la Juventus nel quarti di Champions

Tutto pronto stasera alla “Johann Cruijff Arena” di Amsterdam, dove stasera gli olandesi dell’ Ajax sfideranno la Juventus nella gara di andata dei quarti di finale di Champions League. Si tratta di una delle grandi classiche del calcio europeo, visto che entrambe le squadre si sono affrontate spesso nella storia della massima competizione calcistica europee, comprese due finali: una vinta dagli olandesi nel 1973 e l’altra vinta dai bianconeri nel 1996.

Ajax: una squadra un mito

La squadra di Amsterdam, capitale dei Paesi Bassi è salita alla ribalta del calcio continentale a partire dai primi anni ’70, quando trascinata dalle prodezze della leggenda Johann Cruijff e dei suoi compagni, aprì un ciclo che la portò alla conquista di otto campionati in Olanda e tre Coppe dei Campioni consecutive.  L’Ajax e l’Olanda del “calcio totale” che cambiò per sempre il gioco del pallone. Ciò è quello che ha fatto conoscere questa squadra nel mondo. In pochi, però, conoscono due curiosità legate al nome e ad un soprannome, che hanno entrambe un’origine molto particolare, con un forte richiamo alla mitologia greca nel nome Ajax.

Leggi anche:  Napoli, ADL vuole tutto: maggiorati i premi scudetto e Champions per la squadra

Da Aiace ad Ajax, dalla mitologia al calcio

Il nome Ajax, infatti, deriva da Aiace Telamonio, un guerriero leggendario della mitologia greca che compare nella Iliade di Omero e del “Ciclo Epico”, ovvero dei poemi riguardanti la Guerra di Troia e i fatti ad esso collegati. Nella mitologia Aiace è cugino di Achille. Il volto del guerriero è raffigurato sullo stemma dell’Ajax in undici tratti che rappresentano gli undici giocatori di una squadra di calcio. Un simbolo che rappresenta molto la storia dei Lancieri, capaci a loro modo di entrare nel mito del calcio mondiale con i loro trionfi e il loro calcio rivoluzionario. Non a caso, in Olanda vengono chiamati Godenzonen, ovvero “Figli degli Dei”. Anche la mascotte del club, chiamata Lucky Lynx, richiama fortemente la mitologia greca, poiché è una lince nata sul Monte Olimpo in Grecia.

Leggi anche:  Classifica degli acquisti più costosi di gennaio

L’Ajax e quel soprannome tutto italiano

Un altra curiosità riguardante il club olandese è quella relativa ad uno dei tanti soprannomi con cui viene chiamato dai suoi tifosi e dagli appassionati di calcio nel mondo. Spesso, in televisione o sui giornali, li sentiamo chiamare “Lancieri” e pensiamo che sia il loro soprannome ufficiale, ma in realtà non è così. Tale soprannome, infatti, è tutto italiano e viene utilizzato solo nel nostro Paese. Tale soprannome, infatti, nacque da un’invenzione di un giornalista italiano che, non sapendo come chiamare la squadra di Amsterdam, si ispiro alla lancia del guerriero Aiace, raffigurato sullo stemma del club e forse, anche al Lanciere bianco, un personaggio del “Carosello” che pubblicizzava una nota marca di detersivi dal nome simile a quello della squadra olandese. In Olanda, invece, i Lancieri sono conosciuti come Godenzonen (come già detto) o come Joden (Ebrei), in riferimento alle loro origini razziali religiose derivanti dalla comunità ebraica di Amsterdam. Alla Juve  toccherà ancora una volta sconfiggere il mito Ajax nella doppia sfida di Champions League.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: