Calcio, Serie D: la situazione in zona promozione dei nove gironi, intanto il Lecco festeggia la Serie C

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui


A cinque giornate dalla fine del campionato di calcio di Serie D, ieri pomeriggio c’è stata la prima squadra che ha già conquistato matematicamente la promozione in Serie C, ovvero il Lecco, formazione del Girone A guidata da Marco Gamburro (seconda promozione di fila dopo quella con il Gozzano), che grazie al 2-0 in trasferta inflitto ai piemontesi del Borgaro ha portato il suo vantaggio sulla seconda (Unione Sanremo) a 17 punti, impossibili da recuperare. I lombardi tornano nella terza serie italiana dopo sette anni di Serie D e domenica pomeriggio contro il Milano City potranno festeggiare davanti ai propri tifosi la meritata promozione.

Situazione degli altri otto gironi della Serie D:

Girone B: Testa a testa tra le formazioni lombarde di Mantova e Como con i primi che hanno ancora un punto di vantaggio (75 a 74) e che domenica ospiteranno il Rezzato terzo a 56, che sulla carta è l’unica squadra difficile che incontreranno da qui alla fine del campionato; i lariani invece lo scoglio più complicato l’avranno all’ultima giornata quando andranno sul campo della Caronnese attualmente quinta con 52 punti.

Girone C: I vicentini dell’Arzignano Valchiampo si trovano a +3 sul i rodigini dell’Adriese che ieri hanno pareggiato 0-0 in casa il derby contro il Delta Porto Tolle che potrebbe costare caro. E sarà proprio il Delta l’avversario più complicato che affronterà l’Arzignano che a questo punti ha ottime possibilità di promozione.

Girone D: I cremaschi della Pergolettese largamente favoriti visto che vantano sei punti di vantaggio sul Modena e una calendario abbordabile anche se alla penultima giornata ospiteranno gli emiliani in uno scontro diretto che potrebbe però essere anche ininfluente (all’andata vittoria modenese per 2-1); oltretutto i gialloblu nel prossimo match saranno impegnati nel difficile derby emiliano contro la Reggio Audace (ex Reggiana) che sta a -2 proprio dal Modena.

Girone E: I senesi della Pianese sono primi con tre punti di vantaggio sui pisani del Ponsacco, ma dovranno sfidare nelle ultime cinque giornate tre squadre (Gavoranno, Montevarchi e Seravezza) che stanno lottando per i playoff; mentre i loro avversari di match difficili avranno sulla carta solamente la sfida contro il San Donato Tavernelle terzo a -2 che però vincendo a sua volta potrebbe tornare in corsa. Ovviamente il Ponsacco giocando i casa dovrà vincere per sfruttare eventuale passi falsi della Pianese.

Girone F: Anche qui un testa a testa che si risolverà probabilmente all’ultimo giro, con il Cesena (ieri 0-0 a Campobasso) che si trova i marchigiani del Matelica a solo due punti. I romagnoli hanno teoricamente un solo incontro complicato, ovvero quello della 36.a giornata in casa della Virtus San Nicolò, ora quinto e che si sta giocando un posto playoff. Il Matelica dovrà andare invece su due campi non facili: a Recanati, contro la Recanatese terzo in classifica e ad Isernia (ultima giornata) con i molisani che si stanno giocando la salvezza.

Girone H: I sardi del Lanusei hanno un piede in Serie C, grazie ai sette punti di vantaggio sulla coppia Trastevere-Avellino; alla terz’ultima giornata scontro diretto in casa dei romani, ma il resto dei match per la capolista, dovrebbero essere alla portata visto anche l’ampio vantaggio. Domenica prossima match invece si giocherà nella capitale Trastevere-Avellino che con un pareggio si auto eliminerebbero entrambe, chi vince potrà ancora avere delle piccole speranze.

Girone I: Anche qui i potentini dell’AZ Picerno si trovano a +7 sulla coppia pugliese Cerignola-Taranto e hanno ottime possibilità di promozione anche se la capolista alla terz’ultima e penultima giornata incontreranno proprio Taranto (in casa) e Cerignola (in trasferta) che saranno decisive. Ultima giornata contro il Bitonto, ora quarto anche se a distanza siderale, che però si sta giocando un posto playoff. Dunque calendario non facile rispetto alle diretti concorrenti ma il vantaggio dovrebbe bastare.

Girone H: Qui la situazione ormai è definita con il Bari che dopo un anno nella quarta serie, tornerà subito in Serie C dopo un campionato dominato dall’inizio alla fine. Il +11 sui campani della Turris e una calendario abbordabile fanno dormire sonni tranquilli ai galletti che già nella prossima domenica potrebbe festeggiare la tanto agognata promozione.

  •   
  •  
  •  
  •