Paganese-Rieti, le pagelle: Cernigoi uomo partita, flop Cesaretti, Parigi e Scarpa. Male l’arbitro Clerico

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino

paganese-rieti
Al termine della sfida di campionato Paganese-Rieti, ecco le pagelle dell’importante scontro salvezza, andato di scena questo pomeriggio allo stadio Marcello Torre:

Pagelle Paganese-Rieti: i voti degli azzurrostellati

  • Santopadre 6: Prodigioso doppio intervento sul finire della prima frazione di gioco su Gondo e su Zanchi, che gli valgono senza dubbio la sufficienza; avrebbe meritato qualcosina in più se non fosse stato per qualche ingenuità nel corso del match, condita da qualche incertezza di troppo;
  • Piana 6: Non corre grossi rischi, respingendo le avanzate dei reatini; troppo nervoso in occasione della scaramuccia scatenatasi per una gomitata a Tazza, che gli vale l’ammonizione;
  • Stendardo 6: La sua imponenza inibisce alcuni affondi degli ospiti, che riescono a segnare solamente su rigore;
  • Dellafiore 6: Buona gara in difesa, ha due occasioni nel primo tempo per siglare la sua prima rete in azzurrostellato: nel primo caso la sua scivolata termina fuori, nel secondo caso il suo colpo di testa viene respinto sulla linea da Mattia;
  • Tazza 6: Buona prestazione per lui, si propone con insistenza sulla destra, ma talvolta le sue giocate non vengono sfruttate al meglio dalle punte;
  • Capece 5: Una parabola discendente, non è più quel Capece che aveva entusiasmato tutti all’esordio in azzurrostellato: inconsistente la sua partita, così come i suoi spunti, troppo prevedibili;
  • Gaeta 5.5: La sua briosità in avvio non veniva premiata per una questione di centimetri, cala nel corso del match, sostituito poi da Fornito;
  • Perri 5.5: Gara mediocre per l’esterno azzurrostellato, che rischia di spianare la strada a Brumat per il potenziale vantaggio reatino, in avvio di ripresa;
  • Scarpa 5: Ci si aspettava qualcosina in più dal calciatore più esperto della rosa a disposizione di mister Erra. Le ultime opache prestazioni, condite da un fastidio alla schiena, sono il quadro della situazione in casa Paganese;
  • Parigi 5: Dov’è Parigi? Qualcuno risponderebbe: in Francia! Ecco perché la punta di mister Erra non è pervenuto quest’oggi al Torre. Anzi no, perché al 19′ ha la ghiotta occasione per portare in vantaggio i suoi, ma fallisce miseramente a due passi da Marconi;
  • Cesaretti 5: Non pervenuto, inesistente, quasi un fantasma: è questo il Cesaretti visto in campo oggi al Torre. Due note: la spizzata per l’occasione sprecata da Parigi, una conclusione che sembrava un passaggio nel finale;
  • Della Corte 5: Subentrato a Perri, avrebbe dovuto spingere di più sulla corsia esterna, ma non si è notato proprio;
  • Fornito 5: Identica situazione di Della Corte: subentra a Gaeta, ma si becca solamente un’ammonizione;
  • Di Renzo s.v.
  • Della Morte s.v.
  • Allenatore Erra 5: La sua Paganese questo pomeriggio non è proprio scesa in campo: nel match forse più importante della stagione è arrivata la ventesima sconfitta stagionale. Un gran coraggio nel caricarsi di questa gravosa responsabilità, purtroppo non cambia il trend neanche con la nuova gestione tecnica
Leggi anche:  Serie C, dove vedere Piacenza-Sangiuliano City: diretta TV e streaming live

Pagelle Paganese-Rieti: i voti dei reatini

  • Marcone 6: Spettatore non pagante al Marcello Torre: rare le conclusioni degli attaccanti azzurrostellati, per lo più imprecise e fuori misura;
  • Delli Carri 6: Nessun rischio corso in difesa, anche perché la manovra offensiva degli azzurrostellati ha inciso davvero poco. Sufficienza per lo più politica;
  • Gigli 6: Come i suoi compagni di reparto, non viene assolutamente messo alla prova dagli avversari;
  • Mattia 6: Anche per lui sufficienza politica, considerato anche l’andamento del match: intervento a dir poco prodigioso quando respinge sulla linea un colpo di testa di Dellafiore indirizzato in porta;
  • Brumat 6.5:  Spinge sulla destra, provando talvolta a rendersi pericoloso, come in occasione del colpo di testa da distanza ravvicinata, terminato solamente sull’esterno della rete o quando sfrutta un’indecisione di Perri e calcia di poco a lato;
  • Marchi 6:  Conquista un prezioso calcio di rigore per fallo di Capece, buona la sua gara sulla linea mediana;
  • Palma 6: Più attivo nel primo tempo, cala un po’ nella ripresa, sostituito poi nel finale da Venancio;
  • Carpani 6.5: Si rende talvolta pericoloso in attacco, sfortunato in occasione della conclusione bloccata senza troppe difficoltà da Santopadre;
  • Zanchi 6.5:  Innesca le manovre offensive dei reatini, sfiorando la rete in chiusura di primo tempo. Esce poi nella ripresa, cedendo il posto a De Vito;
  • Maistro 6.5:  Dai suoi calci piazzati arrivano sempre pericoli per gli azzurrostellati. Nella ripresa cede il posto a Tommasone;
  • Gondo 6.5:  Vicinissimo al gol in avvio di ripresa, dopo essersi presentato più volte dalle parti di Santopadre. Sostituito poi nella ripresa da Cernigoi;
  • Venancio s.v.
  • Tommasone 6: Sempre nel vivo della manovra offensiva degli ospiti, si ritaglia il giusto spazio per rendersi talvolta pericoloso;
  • Cernigoi 6.5: Mette a segno il classico gol dell’ex, anche se su rigore; spunti interessanti nel corso della ripresa, anche se non si rende particolarmente pericoloso;
  • De Vito 6: Subentra a Zanchi, gioca una gara senza particolari sbavature, mirando essenzialmente ad evitare possibili disattenzioni;
  • Garofalo s.v. 
  • Allenatore Capuano 6:  Gara dai due volti da parte del suo Rieti: in campo scende una squadra piuttosto rinunciataria, pressoché attendista; si trasforma poi nella ripresa, proprio quando prende coscienza che la Paganese più di tanto non farà.
Leggi anche:  Coppa Italia, dove vedere Juventus-Lazio: diretta TV e streaming live

Arbitro Clerico 4.5: Direzione arbitrale ai limiti del paradossale: non fischia un rigore plateale agli azzurrostellati dopo 2′, ne fischia uno pensandoci su per qualche secondo al 79′, che deciderà poi il match. Non assegna diversi calci di punizione da ambo le parti, incattivendo la gara; gestione dei cartellini non proprio coerente.

  •   
  •  
  •  
  •