FC Barcelona – Valverde resta. Per ora

Pubblicato il autore: Giuseppe Ortu Segui


Valverde rimane. Per ora. Barcelona è in pieno caos per quanto riguarda la situazione della panchina. Nella giornata di ieri era girata la voce che il tecnico barcelonista avesse le ore contate. Alcuni media in Italia si erano spinti addirittura oltre, lanciando chi le dimissioni, chi addirittura l’avvenuto esonero. Voci azzardate e non corrispondenti al vero che hanno del tutto falsato la situazione reale. La verità, tra tante notizie non vere, è che Valverde ieri è stato sul punto di crollare. Ha avuto le ore contate, sì, ha traballato, ma è sempre stato in sella alla panchina blaugrana.

Inviso a tutto il barcelonismo, l’aficiòn lo chiama da tempo immemore Malverde, ora ha perso anche la fiducia di parte dello spogliatoio. La sconfitta di Anfield ha segnato profondamente la convinzione nei giocatori, o in alcuni di loro, che non sia la figura giusta per le prossime sfide. Perdere la fiducia dei propri calciatori è quanto di peggiore possa capitare ad un allenatore. Anche nella directiva l’opinione non è unanime. Bartomeu è decisamente per la permanenza, altri membri della junta, invece, sarebbero per un cambio. Le notizie giunte ieri su un imminente cambio di guida tecnica, e i nomi circolati ieri di Martinez e Koeman, sono stati fatti proprio da appartenenti dei verticici del club in disaccordo con la permanenza del tecnico extremeno sul banquillo azulgrana.

Leggi anche:  Balotelli in Nazionale, Mancini sorprende: "Perché no?"

Valverde non ha voluto dimettersi. Bartomeu non vuole assumersi la responsabilità di provocare un terremoto, uno scossone che è comunque necessario. E lo stallo continua.
Valverde non vuole fare un passo indietro per un discorso economico, non volendo rinunciare al contratto che lo lega ancora per due stagioni, e che è stato rinnovato solo pochi mesi fa, o ne fa un discorso puramente sportivo, credendo di aver fatto dei buoni risultati di squadra? Con due umilianti eliminazioni fotocopia in Champions e la sconfitta in finale di Copa del Rey da parte di una squadra in disarmo, il bilancio delle due gestioni valverdiane è assolutamente negativo. Da una parte due Ligas e una Copa, ma nell’altro piatto della bilancia di Osiride Roma, Anfield e Sevilla, con una squadra disarmante vista in mondovisione. Il danno di immagine e credibilità ricevuto dal club dalle ultime due Champions, è ben più dannoso dei trionfi ottenuti in patria. A questo dovrebbero pensare Valverde e Bartomeu. Il FC Barcelona non può ripresentarsi ai nastri di partenza della nuova stagione con ancora il Txingurri tranquillamente seduto sul banquillo azulgrana.

  •   
  •  
  •  
  •