Il calcio europeo parla inglese: Sarri english man.

Pubblicato il autore: Fabio Faiola Segui

Liverpool

Salvo sorprese, quest’anno 4 squadre inglesi si contenderanno i trofei più ambiti del continente,come mai in passato. Liverpool,Chelsea,gli Spurs e l’Arsenal hanno dato prova di una netta supremazia soprattutto a livello d’intensità rispetto alle loro avversarie fino ad ora affrontate.La squadra di Klopp contro ogni immaginazione possibile, pur non schierando Firmino e Salha infortunati, ha asfaltato il Barcellona di Messi per 4 a 0 con un secondo tempo strepitoso grazie alle doppiette di Origi e di Wijnaldum in serata di grazia .Sembrava di vedere il Liverpool di Rafa Benitez che quando nei primi anni 2000 giocava in Champions, si scatenava come un toro indomabile. Il Tottenham, con calma ed esperienza, è riuscito a recuperare i 2 goal di vantaggio dei lancieri di Amsterdam di De Ligt e Ziyech del primo tempo. Il secondo parziale è stato magistrale da parte degli Spurs, che hanno iniziato a macinare km su km in quantità industriale con il brasiliano  Lucas autore di una memorabile tripletta che dopo aver pareggiato i conti nel giro di 4min. (55mo e 59mo.)metteva dentro il goal qualificazione al 95mo.per la disperazione dei giovanissimi calciatori dell’Aiax e dei suoi tifosi. Quando si assiste a gare del genere si ha sempre la speranza che anche le squadre italiane possano un giorno arrivare a quei livelli, ma purtroppo ai tecnici iitaliani non si da mai il tempo necessario per costruire un progetto, pretendendo tutto e subito anche quando si tratta di portare una risicata salvezza. Il Liverpool attuale è frutto di 4 anni di lavoro, sotto la gestione klopp, che quando arrivò in Inghilterra, faticò non poco per ambientarsi e, le statistiche. parlano di 2 finali Champions ed una finale di Europa League conquistate in questo quadriennio e della lotta all’ultimo respiro in Premier contro il Man.City di Pep.Guardiola. Per il Normal One sarebbe la terza finale in carriera di
Champions dopo quelle perse nel 2013 nel derby tedesco contro il Bayern per 2 a 1 (allenava il B.Dortmund) e quella persa lo scorso anno contro il Real Madrid  per 3 a1 ,mentre l’altra finale persa per 3 a 1 fu quella in Europa League nel 2015-16 contro il Siviglia di Emery, oggi alla guida dell’Arsenal. Il Mister Pochettino, invece, siede sulla panchina del Tottenham dal 2014 , dove è riuscito ad ottenere quasi sempre la qualificazione in  Champions, con il secondo posto in campionato nell’anno dello scudetto del Leicester(2016-17) come miglior piazzamento. Per chi ancora non lo sapesse Pochettino è di origini italiane in quanto i suoi trisavoli erano di Virle Piemonte  e sapere che in finale ci sarà anche un po’ di dna nostrano, ci rincuora dell’assenza delle nostre squadre .Per essere più precisi, sulle ultime finaliste dell’Europa League, dovremmo attendere l’esito di questa sera tra Chelsea e Francoforte,e Valencia ed Arsenal. I pronostici parlano di una netta affermazione delle squadre inglesi ma poiché in campo europeo niente è certo ancora, ci sarà da soffrire per Sarri ed Emery. Qualora non superasse il turno il mister Sarri ha già dichiarato che resterà in Inghilterra anche il prossimo anno, ponendo fine alle voci infondatissime di un suo ritorno in patria, poiché ama il calcio inglese e la sua gente per come approcciano a questo gioco e tanto da sentirsi un vero e proprio english man.Sarri dovrà temere solo la solidità di squadra dei tedeschi (eliminarono un Inter irriconoscibile) in quanto la sua rosa dispone di maggiore qualità. Emery dal canto suo ha già affermato che dovranno stare attenti e concentrati ,perché il Valencia in casa è sempre una squadra temibile con Gameirò da tenere d’occhio. Il tecnico Unai ha già vinto per tre volte questa competizione con il Siviglia e quindi, si giocherà le sue carte fino alla fine, conoscendo a memoria le difficoltà che l’Europa comporta.

Leggi anche:  Novità per la Supercoppa Italiana: verrà utilizzata per la prima volta in Europa. Ecco i dettagli
  •   
  •  
  •  
  •