Guardiola, parole d’amore per il City! Juventus più lontana

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Al netto delle indiscrezioni social e dei rumors di finanza l’approdo di Pep Guardiola sulla panchina della Juventus appare oggi come non mai una vera e propria chimera. Come già peraltro fatto nelle scorse settimane, quando il suo nome iniziò a circolare con insistenza tra i papabili sostituti di Max Allegri sulla panchina della squadra campione d’Italia, Pep Guardiola è tornato a parlare del suo futuro lasciando chiaramente intendere come il suo futuro sia strettamente legato ancora a quello del “suo” Manchester City.

Guardiola ed il City: “Ripartiremo da zero”

Il futuro dell’allenatore spagnolo, nel vorticoso giro di allenatori che sta interessando diversi tra i club più importanti d’Europa, sembra essere segnato: Guardiola ed il City dovrebbero continuare insieme con l’obiettivo di migliorare in termini di successi lo score della stagione appena trascorsa. Tradotto in termini più semplici significa puntare dritti alla conquista della prossima Champions League. Con buona pace di tutti quei tifosi della Juventus che nei giorni scorsi hanno fatto più di un pensierino all’arrivo di Guardiola sulla panchina che fu di Massimiliano Allegri.

Leggi anche:  MLS Cup: la finale è Portland Timbers-New York City FC

Guardiola – Juventus è un matrimonio che non sembra doversi celebrare, nonostante le indiscrezioni che sono circolate qualche giorno fa anche in ambienti finanziari. A conferma dell’intenzione dell’ex allenatore del Barcellona di voler continuare il proprio percorso alla guida della squadra di Manchester, dopo le rassicurazioni già manifestate nei giorni scorsi, sono arrivate ieri sera altre dichiarazioni che di fatto allontanano la Juventus dal futuro prossimo di Guardiola.  Da Manresa, ridente cittadina di quasi 80 mila abitanti poco lontana da Barcellona, Guardiola ha parlato del proprio futuro intercettato dai cronisti durante l’intervallo della partita di play off del campionato spagnolo di basket tra la formazione di casa ed il Real Madrid.  ” Il prossimo anno – ha detto Guardiola – con il City ripartiremo da zero e vedremo cosa succederà”.

Leggi anche:  Arresto di Massimo Ferrero, arrivano anche le dimissioni da presidente della Samp

Guardiola Juve non si fa: l’anno prossimo sarà ancora rivalità con Klopp

Il riferimento di Guardiola era legato al suo giudizio nei confronti del fresco vincitore della Champions League, il tecnico del Liverpool Jurgen Klopp, nei confronti del quale l’allenatore del City sembra aver lanciato già la sfida per la prossima stagione.

“Abbiamo una sana rivalità, ma non solo con lui. Ci sono cinque squadre molto forti in Premier League, è una competizione molto dura. La prossima stagione partiremo da zero e vedremo cosa succederà”.
Una chiusura netta, quindi, da parte di Guardiola  ad un suo possibile addio dopo le molte voci su un suo passaggio alla Juventus. Lo stesso tecnico spagnolo ha anche parlato del “suo” Barcellona, spendendo parole di ammirazione nei confronti dell’attuale (e fortemente in bilico) allenatore dei blaugrana, Ernesto Valverde.  “A me sembra un grande allenatore al di là della grande amicizia che ci unisce. Ha fatto un lavoro molto buono. Sicuramente ha perso la Champions, ma tutti la perdiamo. È una competizione che una sola squadra vince. Una squadra che vince due campionati di fila e gioca un bel calcio merita di essere riconfermato. Il Barcellona resta fedele al suo stile”.

Leggi anche:  Supercoppa Italiana Inter Juventus in chiaro su Canale 5

Chi allora per la Juventus?

Tramontato il sogno Guardiola a questo punto per la Juventus tutte le strade portano all’ex tecnico del Napoli Maurizio Sarri. Da grande nemico e rivale negli anni della sua permanenza a Napoli l’attuale tecnico del Chelsea, fresco vincitore dell’Europa League, si appresta a diventare il nuovo allenatore della formazione bianconera. Tutti gli indizi ormai portano proprio a Sarri il cui approdo a Torino finirebbe per fare il paio, a livello di passato e futuro, con quello di Conte all’Inter: da “c’eravamo tanto odiati” a ” un grande nuovo amore tutto ancora da sbocciare…”.

  •   
  •  
  •  
  •