Mondiali under 20: I gioielli di Nicolato.

Pubblicato il autore: Fabio Faiola Segui

Manca poco alla sfida dei quarti contro il sorprendente Mali ,che ha avuto la meglio dopo una battaglia di oltre 2 ore ai calci di rigore contro la favoritissima Argentina.La bilancia pende a favore degli azzurri, che sulla carta partono con un maggior tasso tecnico e soprattutto, con due giorni in più di riposo rispetto ai pari età malesi,ma in queste competizioni nulla è mai scontato e le sorprese sono sempre in agguato. Nicolato può contare su di una rosa ampia e coesa grazie alle sue doti umane ed aggreganti, inculcate sapientemente in ogni singolo calciatore a sua disposizione.La partita sarà trasmessa domani sera, 7 giugno alle 18e30 su sky calcio e su Rai 2. Mr. Nicolato si è formato come allenatore  al Chievo, facendo tutta la trafila nelle giovanili, con un’esperienza come secondo di Corini, nel 2012,  per poi passare come primo allenatore a Lumezzane in lega pro e , conclusa quest’esperienza, gli si aprirono  le  porte delle  nazionali minori azzurre,conquistando l’argento agli europei under 19 dello scorso anno, perdendo ai supplementari contro il Portogallo per 4 a 3 dopo una rimonta super ad opera di Kean che pareggiò i conti nel giro di un minuto dal 2 a 0 al 2 a 2 nei tempi regolamentari. .Andiamo ora ad analizzare i  giocatori, anche se alcuni di loro hanno già maturato esperienze importanti e sono già noti al grande pubblico, molti ancora non hanno mai giocato in serie A. Per quanto riguarda la porta, Plizzari è sicuramente un portiere di grande esperienza nonostante la giovane età, avendo maturato molte presenze in serie B in quel di Terni nella stagione 2017-18,per poi tornare dove è cresciuto calcisticamente nel Milan ed anche se non ha mai giocato quest’anno, si trova a confrontarsi in allenamento con fuoriclasse come Donnarumma e Reyna. Poi c’è il secondo nella figura di Carnesecchi che ha avuto gloria nella partita contro il Giappone parando il rigore e tante altre occasioni consentendo all’Italia di vincere il girone. Si sta formando nella dea e sicuramente troverà spazio in serie A molto presto.
Chiude il terzetto Loria, cresciuto nel città di Trapani e poi alla Reggina, per arrivare definitivamente alla Primavera della Juventus dove dall’alto dei suoi 195cm, ha blindato la porta dei bianconeri. La difesa è composta da Luca Pellegrini, cresciuto nel vivaio giallorosso e dato in prestito al Cagliari nel 2019, per avere più minutaggio; Luca Ranieri del vivaio viola ma girato al Foggia nell’ultima stagione, è lui l’autore del goal vittoria sul Messico per 2 a 1 nella prima gara del mondiale.
Alessandro Tripaldelli classe 99 è cresciuto alla Juve, per poi essere acquistato dal Sassuolo che lo giro’ al Pec Zwolle e successivamente, al Crotone.
Raoul Bellanova
difensore moderno e potente, che grazie alle sue doti, è stato acquistato dal Bordeaux per i prossimi 4 anni, appartiene alla scuola Milan .
Davide Bettella, allevato nell’Inter e venduto all’Atalanta, che a gennaio lo ha girato in prestito al Pescara in B.
Antonio Candela, cresciuto tra lo Spezia e il Genova, dove attualmente gioca nella Primavera.
Enrico  Del Prato, di fatto centrocampista, ma che in azzurro viene schierato in posizione arretrata centralmente in difesa, proviene dal magico vivaio di Bergamo, dove sta crescendo anche grazie agli allenamenti in prima squadra con il Gasp. Alessandro Buonorino ,del vivaio granata, già debuttante in serie A e quest’anno girato in prestito al purtroppo retrocesso Carpi . Il centrocampo é composto da: Matteo Gabbia  in prestito alla Lucchese in lega pro dal Milan, dove  esordì a  17 anni e 10 mesi in EUROPALEAGUE.
Andrea Colpani dell’Atalanta, regista alla Baggio, che nel campionato primavera sta trascinando i piccoli orobici ad un possibile tricolore.
Salvatore Esposito, nato nella cantera di C. Di Stabia e cresciuto nei vivai di Spal  e Inter e, da quest’anno al Ravenna a farsi le ossa. Adesso, passiamo ai big dell’attacco, come il gioiello interista Pinamonti, che dopo aver esordito sia in Europa League che in campionato a soli 17 anni, è stato girato al Frosinone, dove si è messo in mostra, segnando 5 goal con prestazioni sempre al di sopra della media e, non ultimo, realizzatore del rigore che ha sconfitto la Polonia negli ottavi. Ad oggi, le sue quotazioni stanno raggiungendo cifre impensabili prima dell’inizio del mondiale, tanto da aver toccato quota 7 milioni, che sicuramente raddoppieranno in caso di altri goal e superamenti di turno.
Gianluca Scamacca, svezzato a Roma e poi ceduto al PSV, successivamente acquistato dal Sassuolo, dove esordisce in serie A, per poi essere dato in prestito alla Cremonese nel 2018, dove mostra le sue qualità. Rientrato da Cremona, il Sassuolo lo gira per una infelice parentesi al  Pec Zwolle, da dove decide di rientrare in  anticipo da Patron Squinzi.
Gabriele Gori, cresciuto a Firenze, dato in prestito ad inizio stagione al Foggia e a gennaio a Livorno in serie B, dove si mette in luce con 3 goal in 6 presenze.
Christian Capone del vivaio orobico, prestato al Pescara, dove sta ottenendo buoni risultati.
Marco Olivieri di Porto Sant’Elpidio, classe 99 di scuola juventina.
Da ricordare che a questa selezione manca un altro top-player come Pietro Pellegri fermo ai box per infortunio.
Completa l’attacco Domenico Alberico, in forza all’ Hoffenheim2, nato in Germania. Il C.t. Nicolato conta sullo spirito di rivalsa di molti di loro, che lo scorso anno vennero sconfitti nella finale dell’europeo under 19 contro il Portogallo per 4 a 3. Appuntamento a domani sera in diretta su Sky sport alle 18 e 30 e su Rai 2.

Leggi anche:  Dove vedere Mantova-Triestina Serie C, streaming e diretta tv Sky Sport?
  •   
  •  
  •  
  •