Real Madrid, Rodrygo si presenta: “Mi ispiro a Neymar e Robinho”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui


Elegantissimo e visibilmente emozionato, Rodrygo Goes si presenta alla stampa e ai tifosi del Real Madrid. Il talento brasiliano classe 2001 ha svolto le visite mediche nella capitale spagnola per poi recarsi al Santiago Bernabeu, dove lo aspettavano il presidente Florentino Perez e i suoi nuovi tifosi. Una presentazione in grande stile per l’ex Santos, il quale ha sfoggiato la sua tecnica davanti a una platea non gremitissima ma calda. Rodrygo ha risposto alle domande dei giornalisti presenti in sala stampa e riguardo il suo approdo in merengue, ha dichiarato:

“Per me è la realizzazione di un sogno, sempre ho detto che è il sogno di tutti i bambini del Brasile e del mondo. Sto vivendo un sogno, il giorno più felice della mia vita”. 

CHIACCHIERATA CON VINICIUS“Quando sono stato acquistato dal Real Madrid, parlai con Vinicius quando eravamo insieme nella nazionale brasiliana. Il Madrid ha sempre avuto i migliori calciatori al mondo e ci sarà molta competizione, però sono a disposizione per giocare in prima squadra o nel Castilla”.

I giornalisti hanno posto alcune domande sulla pressione che l’attaccante sente nel Madrid: “La pressione c’è in tutte le squadre di calcio, anche se qui è molto maggiore. Vinicius mi ha raccontato la sua esperienza e mi ha detto di essere paziente, tutti me lo dicono. Sono giovane e ho un grande futuro davanti a me. Le cose avverranno in maniera naturale”.

NEYMAR-ROBINHO I SUOI IDOLI“Sono un attaccante rapido, faccio gol, sono brasiliano e siamo così, come Robinho o Neymar. Mi identifico in loro”. L’era di Rodrygo Goes in Europa è appena iniziata. Ancora non è chiaro se il brasiliano vestirà da subito la maglia della prima squadra o se andrà a giocare nel Castilla, come fece – tra le polemiche – il suo collega di reparto, Vinicius Junior. La concorrenza in squadra è molta ma l’ex Santos ha il talento per affermarsi in merengues.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Torino-Spezia, le pagelle dei granata. Tante insufficienze gravi, si salvano in pochi.