Ripescaggi Lega pro: Il Lanusei inizia a crederci

Pubblicato il autore: Fabio Faiola Segui

Terminati i Playoff con la vittoria sul Sassari Latte Dolce, a Lanusei ci sono stati grandi festeggiamenti (tutti meritati) e la notizia più bella è stata senza dubbio la rinuncia del Matelica agli eventuali ripescaggi, consentendo così agli ogliastrini di scalare la classifica al secondo posto dietro solo all’audace Cerignola. Tutta la società insieme alla propria amministrazione comunale, si sta adoperando con grande impegno per ovviare alle prime difficoltà, che il professionismo comporterà, quali: ampliamento dello stadio, rifacimento del manto erboso e non ultima, la strada da destinare ai tifosi ospiti per raggiungere il Lixius.
I costi saranno ingenti per la cittadina, che giustamente ha chiesto aiuto alla regione Sardegna, poiché l’ogliastra  è tornata in auge grazie alle imprese sportive della squadra; si spera vivamente che il governatore sardo sposi questa bellissima causa che tanto ha dato a tutto il territorio e non solo, ma anche a livello mediatico ha avuto una grande eco nell’Italia del calcio.Inoltre la legacalcio ,qualora i biancorossoverdi venissero ripescati in C, darà una deroga per poter giocare le gare sempre a Lanusei nonostante ancora non ci siano i canonici 1500 posti, che da regolamento, la federazione impone alle squadre partecipanti.

Leggi anche:  Juventus, ecco i convocati per la Supercoppa contro il Napoli: solo Ronaldo e Morata in attacco

Ricordiamo che attualmente lo stadio ne contiene 1100.I punti saldi e fermi per il prossimo anno sono stati la riconferma di Mister Gardini e del d.g. Abbate, che amano e sono profondamente ricambiati dalla città,e certo non se ne sarebbero già mai andati in squadre di categorie superiori, perché ormai sono parte integrante di questo progetto.
Per fare un esempio calcistico, il Lanusei senza Gardini e Abbate sarebbe come il Napoli senza Maradona.
Ora, partendo dai campioncini che hanno sfiorato l’impresa della promozione diretta, se non avessero trovato sulla loro strada un Avellino super e già di categoria superiore ,alcuni di loro sarebbero rimasti,ma purtroppo lasceranno il presidente Arras e sostituire giocatori come Ladu,Bernardotto,Kovadio,Quatrana,La Gorga, Demontis,Congiu ecc.ecc.non sarà impresa semplice, comunque si spera che restino tutti anche nella prossima stagione per portare sempre più su tutta l’ogliastra e non solo Lanusei.
I dubbi e le perplessità sono vari soprattutto per i maggiori costi che un eventuale lega pro comporterebbe, ma è altresì vero che l’occasione è troppo ghiotta per farsela scappare e tutti, non solo i tifosi, sperano nel coinvolgimento di patrners che portino ulteriore linfa alle casse societarie, che da tempo con grande generosità e sapienza, mandano avanti questa realtà.
Per chi non lo sapesse ancora il vescovo Mura (che tanto ama lo sport)fu nominato dal Papa Bergoglio per quell’incarico nel territorio ogliastrino, e questa cosa deve indurre ad andare avanti senza avere paura, perché la società è seria ed affidabile, così come tutta l’amministrazione locale di destra e  di sinistra perché in ballo non c’è solo il calcio ma anche una buona fetta dell’economia della zona e quindi, tutti hanno interesse affinché la fiaba continui. Inoltre, potrete mai togliere ai tifosi, soprattutto quelli più anziani della squadra, la gioia di riunirsi e ritrovarsi la domenica al Lixius e di avere una bella compagnia?
Credo proprio di no,  quindi questo matrimonio si deve fare e se ci è riuscita la cittadina di Picerno, anche Lanusei merita il professionismo. Di seguito pubblichiamo la graduatoria delle vincenti dei playoff: Matelica 2.60; Cerignola 2.20; Lanusei 2.18- Modena 2.14Pro Sesto 2.02Turris 1.97 Ponsacco 1.92- Campodarsego 1.76Inveruno 1.58. In virtù della suddetta rinuncia del Matelica passa a condurre l’audace Cerignola con il Lanusei, che sale al secondo posto, ed ora si aspettano gli eventuali sviluppi della situazione, poiché è troppo presto per avere certezze, rimandiamo i verdetti al prossimo mese. Saluti da Supernews

Leggi anche:  Parma, 4 nomi per la salvezza
  •   
  •  
  •  
  •