Argentina eliminata e Messi se la prende con l’arbitro

Pubblicato il autore: Mattia Di Battista Segui

Continua la maledizione di Messi e dell’Argentina

Altra delusione per l’Argentina e Lionel Messi. L’Albiceleste è stata eliminata dalla Coppa America dopo aver perso 2-0 la semifinale contro i rivali storici del Brasile, padrone di casa. Brasile ancora indigesto per Messi e compagni, dopo la sconfitta nella finale Mondiale di cinque anni fa persa contro la Germania. Per la Seleçao, invece, la vittoria di ieri contro gli odiati rivali argentini rappresenta un riscatto parziale per la “disfatta del Mineirao“, quando i Carioca persero 7-1 la semifinale dei Mondiali casalinghi di cinque anni fa, patita proprio contro i tedeschi.

Messi non basta all’Argentina come Ronaldo basta al Portogallo

Il numero 10 argentino, dunque, ancora una volta, non riesce a trascinare la Selección come fece a suo tempo il suo illustre predecessore Diego Armando Maradona e come sta facendo il suo grande rivale Cristiano Ronaldo con la maglia del Portogallo. Messi, invece, è ancora una volta nell’occhio del ciclone nel suo Paese. L’Argentina non riesce a vincere, nonostante il suo campione. Ad aggravare la situazione c’è il fatto che la sua selezione è ricca di tanti talenti che dovrebbero facilitare il compito alla “Pulce di Rosario”: invece, giocatori come AgueroDybala Icardi (nemmeno convocato) non riescono ad incidere con l’ambita maglia bianco-celeste.

Leggi anche:  Serie C, Juve Stabia-Taranto 3-2: doppietta di Stoppa al Menti

E Messi se la prende con l’arbitro

Un’altra sconfitta cocente per Leo Messi che a fine gara non ha nascosto la propria delusione per la partita e per l’operato dell’arbitro ecuadoriano Roddy Zambrano:Ci siamo stancati di coprire le ca**ate in questa Coppa America e non sono andati nemmeno a vedere al VAR, è incredibile! Spero che la Conmenbol faccia qualcosa, anche se non farà nulla perché il Brasile gestisce tutto, è molto complicato.”, ha tuonato Messi riferendosi in particolare a due rigori non concessi a Otamendi Aguero. Restano solo recriminazioni all’Argentina dopo l’ennesima sconfitta.

  •   
  •  
  •  
  •