Calcio: distribuzione premi UEFA 2019-2020

Pubblicato il autore: Nazzareno Minniti Segui

Juventus’ Cristiano Ronaldo in action

La UEFA ha annunciato il sistema di distribuzione finanziaria dei premi per le competizioni per club nella stagione 2019-2020 in Champions League ed in Europa League.
E’ stato stimato che i ricavi commerciali lordi della Champions, dell’Europa League e della Supercoppa UEFA 2019, ammontino a circa 3 miliardi e 250 milioni di euro. Da questo importo saranno detratti 295 milioni di euro per coprire i costi organizzativi/amministrativi delle varie competizioni e 227,5 milioni di euro utilizzato per i pagamenti di solidarietà. Dei ricavi netti rimanenti (che ammontano a 2,73 miliardi di euro) il 6,5% sarà riservato al calcio europeo e resterà alla UEFA mentre il restante 93,5% verrà redistribuito ai club partecipanti.
Sulla base di tali previsioni di fatturato, dunque, il totale disponibile per la distribuzione ai club partecipanti nel 2019/20 ammonta a 2,55 miliardi di euro, dei quali 2,04 miliardi distribuiti ai club che partecipano a UEFA Champions League e Supercoppa UEFA, mentre 510 milioni di euro ai club che partecipano alla UEFA Europa League.
Di seguito il dettaglio dei premi per la Champions League.

Leggi anche:  Coppa del Brasile, semifinale d'andata: Pedro evita il ko al Flamengo al 99’

UEFA Champions League
Contributi per i 12 club che partecipano agli spareggi
Un totale di 30 milioni di euro verrà assegnato ai club coinvolti negli spareggi. Ciascun club eliminato riceverà una quota fissa di 5 milioni di euro. Le vincenti degli spareggi non riceveranno invece alcun pagamento specifico per questa fase ma accederanno ai contributi riservati alle squadre che partecipano alla fase a gironi.

Contributi per i club che partecipano alla fase a gironi
Gli importi previsti ammontano ad un totale di 1,95 miliardi di euro Le entrate verranno suddivise secondo i seguenti criteri:

  • quote di partenza – i 32 club qualificati alla fase a gironi riceveranno 15,25 milioni di euro (acconto da 14,5 milioni e saldo da 0,75 milioni);
  • importi fissi – per ogni partita della fase a gironi verranno assegnati bonus in base alle prestazioni: 2,7 milioni di euro per la vittoria e 900mila euro per il pareggio.
Leggi anche:  Coppa del Brasile: l’Atlético Mineiro ipoteca la finale

Contributi per i club che partecipano alla fase a eliminazione diretta

  • qualificazione agli ottavi di finale: 9,5 milioni di euro a club;
  • qualificazione ai quarti di finale: 10,5 milioni di euro a club;
  • qualificazione alle semifinali: 12 milioni di euro a club;
  • qualificazione alla finale: 5 milioni di euro a club;
  • vincente della finale: 4 milioni di euro supplementari;
  • due club qualificati alla Supercoppa UEFA: 3,5 milioni di euro ciascuno e il club vincente riceverà 1 milione di euro supplementare.
  • ranking per coefficienti – Le 32 squadre partecipanti sono inserite in una classifica che tiene conto delle prestazioni degli ultimi dieci anni e dei punti bonus acquisiti per la vittoria della Champions o della Europa League. Il totale di 585,05 milioni di euro è stato suddiviso in “quote di coefficiente” che saranno assegnate dalla più bassa in classifica (una quota) alla più alta (32 quote). Poichè ogni quota di coefficiente ammonta a 1.108 milioni di euro è facile calcolare che la prima in classifica riceverà 35,46 milioni di euro.
  • Market pool – l’importo disponibile, stimato in 292 milioni di euro, verrà distribuito in base al valore proporzionale di ciascu mercato televisivo rappresentato dai club partecipanti alla Champions League e suddivisi tra le squadre partecipanti di ogni federazione. Metà dell’importo che rappresenta il valore di ciascun mercato sarà ripartito tra le squadre in base ai risultati nel campionato nazionale precedente.
  •   
  •  
  •  
  •