Crisi Real Madrid: l’unica luce merengue si chiama Rodrygo

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui


Il pre-campionato del Real Madrid di Zinedine Zidane non è certamente stato da incorniciare. La Casa Blanca è un cantiere aperto, con tanti nuovi calciatori da amalgamare in squadra. Zidane sta cercando di allestire un squadra che sia competitiva per la prossima stagione, ma non sarà semplice far coesistere tutti. Il Real ha perso 3 amichevoli su 4 disputate. Una addirittura per 7-3 contro gli odiati rivali cittadini dell’Atletico Madrid. Proprio in questa partita si sono evidenziate le grandi lacune delle merengues: nervosismo eccessivo e buchi clamorosi a livello difensivo, hanno contraddistinto questa pre-season. I vari Varane, Sergio Ramos e Marcelo appaiono ancora come irriconoscibili rispetto alle scorse stagioni. Questo è un campanello d’allarme notevole per Zidane, che dovrà ricorrere ai ripari per poter contrastare il Barcellona nella Liga.

Leggi anche:  Serie A, chi rivendicherà il trono di capocannoniere? C'è grande competizione

Anche il nuovo acquisto Eden Hazard non sta convincendo. Complice uno stato fisico non proprio ottimale. Ma qual’è il lato positivo del Real Madrid in questo pre-campionato? L’unica nota intonata per i madrileni si chiama Rodrygo Goes. Il brasiliano prelevato dal Santos sta meravigliando tutti nonostante la giovanissima età. Rodrygo è un classe 2001, un diciassettenne con tanta voglia di stupire. Capace di puntare nell’uno contro uno, il brasiliano ha dimostrato in queste partite tutto il suo valore e la sua versatilità sul fronte offensivo. Le sensazioni migliori, Rodrygo le ha lasciate partendo dall’esterno dove è più libero di esprimersi per poi puntare e andare al tiro. La grande velocità che lo contraddistingue si aggiunge alla tecnica superba nel trattare la palla, oltre che alle doti balistiche dimostrate contro il Bayern Monaco. La rete realizzata ai bavaresi direttamente da calcio di punizione ha testimoniato la grande tecnica di tiro che il calciatore possiede. Zidane vorrebbe tenerselo in prima squadra dopo questi primi match estivi, ma il rischio che il brasiliano non giochi è alto data la presenza di Hazard. In ogni caso, Rodrygo potrebbe essere un asso nella manica notevole per il Madrid.

  •   
  •  
  •  
  •