Inter,Conte e Marotta:”Tutti insieme possiamo costruire qualcosa di importante”

Pubblicato il autore: Mattia Dalmazio Segui

È stato presentato oggi pomeriggio nella nuova sede dell’Inter,  il neo tecnico dei nerazzurri Antonio Conte.

Il tecnico pugliese ha dichiarato:”Scegliere l’Inter è stato facile, abbiamo avuto la stessa visione e ambizione,la presenza di Marotta è stato un incentivo nello scegliere l’Inter, tra le società più importanti al mondo”. “Non mi pongo limiti. Sappiamo che negli ultimi anni si è creato gap enorme con Juve e Napoli. Dobbiamo lavorare tanto e meglio degli altri. Dobbiamo partire con ambizione dando tutto. Vedremo cosa accadrà”. Conte ha parlato anche del suo apporto che darà all’ Inter , il tecnico salentino ha dichiarato:”i top player devono stare in campo. l’Inter ha una buona base. Io dovrò dare un apporto importante. Sento addosso una grande responsabilità“.

L’ ex tecnico del Chelsea ha parlato anche degli obiettivi che dovrà raggiungere la sua nuova Inter:”Dovremo essere feroci nel nostro obbiettivo: avere e dare stabilità. Così saremo competitivi”
Conte ha parlato anche di Nainggolan e di Icardi,  che sono lontani dal progetto Inter :”Se qualcuno non ha lo scopo della vittoria nella sua testa è giusto che si faccia da parte. Dobbiamo essere e devo essere molto chiaro. Tutti insieme possiamo costruire qualcosa di importante”.
Conte  si è soffermato sul gap tra l’ Inter e le due grandi regine del campionato, Napoli e Juventus : “Dobbiamo essere bravi a costruire qualcosa. Chi ha tempo, non aspetti tempo. Nessuno ha la bacchetta magica. Lavoreremo bene e meglio degli altri per colmare il gap che esiste ma non deve essere un alibi”Il tecnico pugliese ha parlato anche del suo rapporto con la Juventus,  il tecnico pugliese ha dichiarato:”A Torino con la Juve sarà una partita importante. Andremo a sfidare la favorita. Ma sono importanti anche le altre 36 partite non solo le 2 con la Juve. Personalmente ci sarà emozione nell’entrare allo Juventus Stadium. Conoscete la mia storia e il mio passato,la Juventus è un mio avversario e quando l’arbitro fischierà l’inizio li vedrò come avversari e combatteremo”.

Leggi anche:  Serie A, gli arbitri della 18^ giornata: a Orsato il derby capitolino

Conte ha ringraziato il suo predecessore Spalletti per il grande lavoro svolto. L’ex tecnico del Chelsea ha dichiarato: “Sottolineo i meriti di Spalletti all’Inter. Il suo obiettivo era arrivare in Champions e ha raggiunto l’obiettivo. Lo ringrazio perché è grazie a lui se giocheremo in Champions ”

Conte ha lanciato una promessa ai tifosi nerazzurri :”Vogliamo rendere felici e orgogliosi i nostri tifosi. Vogliamo far capire ai tifosi il nostro lavoro per far riconoscere che siamo l’Inter”.

Conte ha parlato della forza dell’intero pacco arretrato nerazzurro :“Il nostro reparto difensivo è forte. Ma forte tutto anche per D’Ambrosio, Bastoni e Ranocchia. Partiremo con la difesa a 3 ma non ho un dogma fisso. L’importante sono i principi e l’idea di calcio che vuoi di un calcio propositivo”

Infine Conte ha parlato di Lautaro Martinez :”Lautaro è un giocatore forte. Ha fatto un anno di ambientamento e una grande Coppa America. Non vedo l’ora di scoprirlo per qualità personali e umane”

Leggi anche:  Balotelli in Nazionale, Mancini sorprende: "Perché no?"

Le parole di Marotta
Presente ala conferenza stampa di presentazione di Conte, l’amministratore delegato nerazzurro Giuseppe Marotta ha fatto il punto sul mercato nerazzurro: “Icardi alla Juve? Al momento lo escludo, non ci sono le minime condizioni. Della Juve a oggi non si vede nemmeno l’ombra”. “La conclusione di escludere Icardi e Nainggolan è condivisa e sofferta, sono asset della società, il nostro obiettivo non è depauperare il patrimonio, ma a volte serve coraggio per fare il bene del club. Non mancheremo mai di rispetto a loro due”.“Abbiamo letto le dichiarazioni di Giulini e Petrachi su Barella. Rispetto ma non sono d’accordo. Il venditore stabilisce il prezzo, il compratore decide se è congruo. Si tratta di una negoziazione ed esiste una congruità di valore che decide il compratore”. Dzeko?  “Dzeko è un obiettivo ma il valore deve essere congruo. Il fatto che il calciatore abbia dato l’assenso non vuol dire molto, noi ci muoviamo entro certi parametri”. “Icardi scambiato con Dybala? È utopia. Ma conosco Dybala: è un ottimo giocatore. Tutto è aperto noi siamo alla finestra”.

Leggi anche:  Probabili formazioni Torino Spezia, in dubbio Nzola: al suo posto gioca Piccoli?
  •   
  •  
  •  
  •