Atalanta Laxalt, trattativa saltata: giusto così?

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

ATALANTA LAXALT: LA SITUAZIONE DOPO IERI POMERIGGIO – Quando l’arrivo di un giocatore è troppo bello per essere vero, c’è sempre di mezzo un fattore che potrebbe mandare a rotoli l’affare. Quello che doveva essere il neo esterno dell’Atalanta Laxalt (di proprietà del Milan), è soltanto un semplice fuoco di paglia. Il calciomercato è anche questo: senza se e senza ma. Ovviamente la campagna acquisti non è ancora finita, la società bergamasca sta lavorando (come ha sottolineato esplicitamente il presidente Antonio Percassi), ma è stato giusto fare un passo indietro per l’ex esterno del Genoa? Oppure si poteva fare di più sotto questo aspetto. Come sempre non perdiamoci in chiacchiere e analizziamo la situazione.

Atalanta manager Gian Piero Gasperini during the UEFA Europa League, Group E match at Goodison Park, Liverpool.

COSA HA FRENATO IL COLPO DELL’ATALANTA LAXALT – Partiamo da quello che è accaduto ieri con la seguente domanda: “Cosa ha fatto saltare momentaneamente l’affare?”. La causa è data dal nodo dell’ingaggio (un capitolo che l’Atalanta tende a curare al 100%), al dettaglio si parla di ciò: 1,8 milioni di euro all’anno. La società nerazzurra non ha nessuna intenzione spendere questa cifra, e ovviamente è stato proposto altro in termini economici: più in linea con i parametri orobici. Laxalt ha rifiutato e tutto è sfumato. Non è da escludere qualche ripensamento, ma Diego è sempre più lontano.

LA SOCIETA’ GUARDERA’ ALTRI PROFILI: SCELTA GIUSTA RIFIUTARE LAXALT? – L’Atalanta ha fatto giustamente una scelta logica: il monte ingaggi deve mantenere una linea coerente e se un giocatore vuole la Dea per questioni esclusivamente legate al campo, si accettano determinate condizioni. Poca voglia di spendere? Assolutamente no. Il problema però è uno solo: trovare l’ala giusta nel più breve tempo possibile. Il calciomercato è agli sgoccioli e Gasperini ha richiesto delle pedine per completare al meglio la rosa.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: