Spal-Atalanta, i problemi della difesa nerazzurra

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui


SPAL-ATALANTA: I NERAZZURRI VINCONO A FERRARA
– L’Atalanta di Gian Piero Gasperini è ripartita alla grande vincendo a Ferrara contro la Spal di Leonardo Semplici. Una partita nella quale i nerazzurri riescono a rimontare il 2-0 momentaneo (siglato da Di Francesco e da Andrea Petagna), grazie soprattutto alle prodezze del neo acquisto Luis Muriel, autore di una doppietta straordinaria. Nonostante la vittoria, la retroguardia atalantina costituita da Masiello, Palomino e Djimsiti ha traballato in maniera assai preoccupante e urge un riscatto immediato per evitare delle future problematiche. L’attacco ha compensato visto il risultato finale, ma non si può pensare di correre sempre il rischio.

SPAL-ATALANTA: LA RETROGUARDIA NERAZZURRA

 

SPAL-ATALANTA: PROBLEMI DIFENSIVI A FERRARA – Purtroppo è un capitolo già affrontato più volte nel corso del pre campionato e ieri sera è successo quello che è successo. Due errori costati caro nella quale Palomino dimostra che messo in una posizione centrale (più che laterale) lascia dei buchi e che Djimsiti era in parte fuori ruolo. Il neo acquisto Martin Skrtel non ha giocato e Rafael Toloi ha disputato solo 10 minuti (buoni). Necessario intervenire nuovamente sul mercato? No, per tutta una serie di fattori: il numero 2 nerazzurro sta recuperando e potrebbe dare una mano; Ibanez e Varnier sono pezzi da testare in maniera un po’ più accurata; tali investimenti verranno fatti in altri reparti (esterno/vice Ilicic). Che l’Atalanta cominci così non è una sorpresa, ma con la Champions di mezzo ci sarà molto da lavorare: aldilà del risultato finale.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: