Milan ok i 3 punti, ma dov’è la “mano” di Giampaolo?

Pubblicato il autore: Luca Marin Segui


Fortunatamente alla fine Hellas Verona-Milan è finita con un risultato positivo, altrimenti sarebbe sicuramente scoppiato un caso mediatico, che dopo sole tre giornate e in modo particolare prima del Derby non avrebbe creato di certo la situazione più agevole.
Prendiamo quel poco di buono che si è visto, cioè i 3 punti e prepariamoci alla prossima partita. Sicuramente anche solo pensare di provare a vincere lo scontro in casa con l’Inter sembra al momento pura fantascienza, con molto rammarico, ma con grande umiltà mi accontenterei anche di una sconfitta di misura, che porti però finalmente qualche segnale positivo.
Certamente non è facile rivoluzionare una squadra in meno di una settimana, ma l’ingresso dei nuovi acquisti dal primo minuto e a partita in corso potrebbe dare una grossa mano.

La partita

Molto discussa, durante la partita, in modo particolare dai tifosi locali è stata la scelta da parte di Manganiello di espellere Stepinski, un cartellino rosso sacrosanto, come dimostrato dalle immagini che non lasciano spazio ad interpretazioni.
Fortunatamente dopo un rigore solare negato alla prima giornata, al secondo tocco di mano in area a braccio largo ci è stato assegnato il tiro dagli undici metri, trasformato prontamente da Piatek.

Conclusioni

Quindi, nonostante io in prima persona fossi sin dall’inizio un grande estimatore di Giampaolo, inizio a coltivare i primi dubbi sulle effettive qualità del tecnico, anche se ammetto che è presto per dare giudizi e mi riservo dal farlo.
Comunque vada non riuscirò mai a spiegarmi la completa involuzione della squadra in queste prime giornate rispetto al pre campionato.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: